Trump vince, Sanders sorprende, ma Wall Street snobba le primarie

Nella corsa alle primarie il candidato newyorchese ha vinto con riserva, mentre Sanders prova a mettere pressione alla Clinton.

bg_capitol_hill_1312210
Fonte: Bloomberg

Prosegue la tornata di primarie negli USA, che ieri ha visto andare al voto gli Stati di Michigan, Mississippi, Hawaii e Idaho per la sponda repubblicana e solo i primi due per quella democratica.

Sebbene Donald Trump si confermi essere sempre più il pretendente alla corsa della Casa Bianca, le sorprese non mancano in vista del voto dei grandi Stati delle prossime settimane. Ted Cruz, infatti, rimane non molto distante, con 359 delegati rispetto ai 458 di Donald Trump. Sembra essere ormai fuori dai giochi Marco Rubio, fermo a 151 delegati. Proprio l’uscita del giovane pretendente alla Casa Bianca potrebbe riaccendere la sfida tra Trump e Cruz. Probabilmente una buona parte dei voti che prima si frammentava nella destra statunitense potrebbero ora essere dirottati su Cruz vista la spaccatura sempre più evidente tra i Repubblicani e Trump. Un simile scenario potrebbe riequilibrare le corsa in vista della Convetion di luglio.

 

Tra i democratici, invece, la vera sorpresa di ieri ha riguardato la vittoria di Bernie Sanders su Hillary Clinton in Michigan, mentre l’ex first Lady si è aggiudicata solo il Mississippi. Sebbene la Clinton si sia aggiudicata sino a questo momento 12 Stati contro i 9 di Sanders, in termini di delegati il confronto è schiacciante (1.220 vs 571). A creare incertezza tra i democratici sono i super delegati, gli unici in grado di cambiare il proprio voto tra i vari candidati durante la Convention di luglio.

 

Martedì 15 marzo le primarie potrebbero dare maggiori certezze visto che si voterà nei grandi Stati di Florida, Illinois, North Carolina, Ohio e Missouri. I delegati da assegnare sono tanti e nel caso di una vittoria schiacciante di uno o dell’altro candidato, il divario potrebbe ampliarsi ulteriormente, proclamando il vincitore, o assottigliarsi, rimescolando di fatto le carte in tavola.

Nonostante tutto, l’incertezza maggiore sembra regnare tra il partito del GOP. Le posizioni oltranziste di Trump continuano a destare forte malcontento tra i repubblicani. Non a caso, in tutti gli Stati in cui ha vinto il newyorkese, non è riuscito mai ad ottenere la maggioranza del 51%. Ormai non sembra essere neanche più un segreto che contro Trump si schierino molti imprenditori ed esponenti delle grandi aziende Usa.

Insomma, l’impressione è che la partita rimane ancora aperta su ambo i fronti, ma un altro goal di Trump e Clinton potrebbe scoraggiare gli avversari.

Per ora i mercati sembrano non essere ancora influenzati dal voto. Wall Street continua a tenere lo sguardo puntato ai prossimi eventi macro, in particolare la riunione della Bce di domani e quella della Fed di mercoledì prossimo. Probabilmente solo dopo le convetion di luglio il mercato inizierà a focalizzare l'attenzione sul voto Usa.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.