NFPs di gennaio: +113k vs attese fissate a +180k, tasso di disoccupazione scende al 6,6%

Euro/dollaro reagisce facendo un +65 pips ma poi retrocede a 1,3585

I nuovi posti di lavoro nei settori non agricoli in Usa a gennaio sono saliti di sole 113 mila unità, contro le 180 mila attese. Il tasso di disoccupazione è sceso al 6,6% (dal 6,7% di dicembre). Sul 2013 la crescita media mensile dei posti di lavoro è stata di 194 mila unità. E’ stato rivisto ancora al rialzo il dato di novembre a +274 mila unità da 241 mila e  anche il dato di dicembre a +75 mila unità da 74 mila. Il tasso di partecipazione alla forza lavoro è salito di 0,2 punti percentuali, arrivando al 63%.

I nuovi posti di lavoro hanno deluso le nostre attese ma crediamo che non siano risultati così negativi da poter fermare il processo di tapering. Riteniamo positivo il fatto che le revisioni al rialzo dei mesi precedenti (il dato sul mese di novembre è passato da una prima lettura di +201 mila a una seconda di 241 mila e una finale di +274) abbiano portato la media dei posti di lavoro creati mensilmente vicino a quel +200k desiderato proprio dalla Federal Reserve. Lo stesso tasso di disoccupazione si trova in un pattern ribassista che ormai prosegue da tempo e si avvicina sempre più al 6,5%, obiettivo dell’istituto centrale del paese a stelle e strisce.

Anche osservando il cambio euro/dollaro, possiamo verificare immediatamente che dopo uno spike rialzista a 1,3644 (+65 pips) il cross è sceso fino sui valori pre-dato. Stesso discorso possiamo farlo per il CFD sul Dow Jones sceso a 15520 punti per poi tornare a 15650. 

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.