Lira turca prende fiato dopo forte apprezzamento

Vendite fisiologiche sulla lira turca dopo il forte apprezzamento che è arrivato nell’ultima settimana. 

Gli acquisti sulla divisa turca sono arrivati nell’ultima settimana grazie principalmente a due elementi. Da un lato, il clima disteso tra Ucraina e Russia ha allentato le tensioni su tutte le valute emergenti, in modo particolare su quelle limitrofe alla zona calda tra la Crimea e l’Ucraina. È di oggi, tra l’altro, la notizia secondo cui l’esercito russo stia abbandonando i confini con l’Ucraina, contribuendo ulteriormente a diminuire le tensioni nell’est Europa.

In misura preponderante, però, riteniamo di poter affermare che all’apprezzamento della divisa turca abbia contribuito l’attesa vittoria alle elezioni amministrative svoltesi domenica del premier Erdogan. Il clima disteso sui Paesi emergenti sta facendo da traino alle valute e alle borse di questi Paesi, tra cui India e Brasile.

Dal punto di vista tecnico, il cross Eur/Try sta rimbalzando oggi dopo aver testato nella seduta di ieri i minimi da inizio anno, in area 2,94. Il rialzo potrebbe smorzarsi del tutto in area 3, livello abbandonato ieri. Solo un riposizionamento di questo livello potrebbe in qualche modo dare spazio a nuovi ingressi long sul cambio, con primo target a 3,02 e il successivo a 3,07. Indicazioni ribassiste arriverebbero solo con il cedimento dei minimi annuali toccati ieri, a 2,94, al di sotto dei quale si avrebbe un’accelerazione ribassista verso 2,83 e poi a 2,77. Quest’ultimo è un livello particolarmente interessante dato che da qui è partito il forte deprezzamento della divisa turca a dicembre sull’insorgere degli scandali di corruzione che hanno coinvolto il governo di Erdogan. Anche il cambio Usd/Try sta recuperando dopo il forte calo delle ultime sedute. Il cross è tornato ai minimi dal 31 dicembre scorso, a 2,1350. Il prima target sul rimbalzo rimane a 2,16 e il successivo a 2,18.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.