Euro in calo nonostante Pmi migliori delle attese

Accelera al ribasso l’euro verso le principali valute mondiali nonostante i buoni dati che sono arrivati dal comparto manifatturiero dell’eurozona. 

A dicembre l’attività manifatturiera ha mostrato sensibili segnali di ripresa, arrivando a 52,7 punti (massimo da 31 mesi). Bene l’export, la produzione e i nuovi ordini. Tra i vari paesi, bene soprattutto Italia, Germania e Paesi Bassi, mentre delude il dato francese. Il dato ha risentito della stagionalità legata alle vendite natalizie. Gli operatori però sembrano non aver accolto nel migliore dei modi i dati positivi. Sono partiti una serie di ordini short che hanno riportato l’euro/dollaro ai minimi dal 20 dicembre scorso a 1,3636, dove passa ora la media mobile a 50 giorni. Il cedimento di questo supporto aprirebbe a una discesa verso i minimi di metà dicembre a 1,3620. Il livello successivo è dettato dal supporto dinamico dettato dalla trend line rialzista che congiunge i minimi di luglio con quelli di novembre, ora in transito a 1,3540. Prima di arrivare a questo target è necessario attendere la conferma dello sfondamento tecnico di 1,36. In questo momento, ogni eventuale recupero sino a 1,37 rimane inquadrabile come un puro rimbalzo tecnico. Solo un superamento di 1,3750 potrebbe creare opportunità rialziste più chiare.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

IG presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.