Eur/Usd: in leggero calo dopo il balzo di ieri su parole di Draghi

Il cambio euro/dollaro in mattinata scende lievemente dai massimi di ieri toccati a 1,3677

Il rialzo della seduta scorsa è stato causato dalla delusione degli operatori a seguito della conferenza stampa del numero uno della BCE, Mario Draghi. Ci si aspettava molto di più. Erano quattro i temi principali che dovevano essere approfonditi dal governatore dell’istituto di Francoforte: l’eventuale taglio del tasso sui depositi, il possibile acquisto diretto di titoli governativi, i dettagli su una nuova LTRO modificata e la pubblicazione delle minute delle riunioni del Consiglio Direttivo. Draghi ha solamente affermato che tutti gli strumenti sono a disposizione della BCE che è pronta a intervenire in caso di necessità. Troppo poco per dare una spallata all’euro/dollaro tornato ad apprezzarsi notevolmente rispetto al dollaro.

Il biglietto verde, tuttavia, potrebbe essere rafforzato dall’annuncio delle cifre macroeconomiche sul mondo del lavoro statunitense. Se i NFP (non farm payrolls) di novembre dovessero evidenziare una crescita ben superiore alle 200-225 mila unità, verrebbe confermato il buon stato di salute dell’economia americana (benissimo il PIL del 3T salito del 3,6%). Diventerebbe sempre più probabile un inizio anticipato del “tapering” nei prossimi mesi. Se non il prossimo meeting del FOMC (Federal Open Market Committee) del 17-18 dicembre almeno in quello successivo di gennaio.

Dal punto di vista tecnico rimane ancora in essere la tendenza rialzista di breve partita dai minimi del 7 novembre. L’eventuale vittoria delle resistenze comprese tra 1,3678 e  1,37 concederebbe ulteriore energia al cross per allungare in direzione di 1,3775 e 1,3832. Attenzione a possibili correzioni soprattutto nel primo pomeriggio. Il cedimento dei supporti compresi tra 1,3525 (sostegno statico dei minimi delle ultime sedute) e 1,35 (supporto dinamico rappresentato dalla trendline rialzista partita dai bottom del 7 novembre) sarà da interpretare come un forte segnale negativo, preludio a una possibile discesa verso 1,34 e 1,33.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.