Eur/Usd: in leggera discesa dopo che ieri aveva toccato 1,37

Nel pomeriggio stima ADP sui posti di lavoro, in serata parlerà Janet Yellen

bg_eurusd_713880

Domani avremo un importante appuntamento macroeconomico in Europa, ovvero la riunione del Governing Council della BCE a Francoforte. Dopo il meeting di giugno con le novità introdotte dal governatore Mario Draghi in termini di nuovi allentamenti monetari (taglio dei tassi, T-LTRO, prolungamento delle aste full allotment e lavori preparatori per gli acquisti di ABS) non crediamo ci siano elevate possibilità di ulteriori manovre. Il numero uno dell’istituto di Francoforte cercherà di fornire dettagli sulle operazioni annunciate in giugno ma non “dovrebbe” offrire altri spunti interessanti. Come ha fatto nei primi meeting del 2014 Draghi proverà a evitare qualsiasi domanda su un possibile quantitative easing all’europea. 

Osservando i recenti dati macroeconomici pubblicati l’inflazione è rimasta ancora su livelli molto bassi (stima flash di giugno allo 0,5%) e anche le prospettive sulla crescita delle attività economiche di Eurolandia potrebbero evidenziare un rallentamento (indici PMI preliminari sul comparto manifatturiero). Tali cifre, secondo il nostro avviso, dovrebbero comunque aumentare le discussioni all’interno del Consiglio Direttivo della BCE per ulteriori manovre di allentamento monetario. Le parole di Draghi (“we are not finished yet”) dovrebbero trovare conferma non in questo meeting ma con elevate probabilità nella riunione dopo l’estate. Un piano di intervento con un mix di quantitative easing e credit easing sarebbe l’ideale per risollevare la debole economia di Eurolandia. 

Domani, inoltre, l’US Bureau of Labor Statistics annuncerà i dati sui non farm payrolls  e sul tasso di disoccupazione di giugno. Le cifre sul mondo del lavoro dovrebbero confermare il buon andamento del comparto. Le aspettative sono fissate per un incremento dei nuovi posti di lavoro nei settori non agricoli di 210 mila unità ( a maggio +217k) e un tasso di disoccupazione stabile al 6,3%. 

I dati sui NFPs sono fondamentali per capire le prossime strategie della FED. Recentemente sono state tante le opinioni espresse da governatori delle FED Regionali per rialzare i tassi d’interesse dal zero lower bound. Il governatore della Federal Reserve di Philadelphia e membro votante del FOMC, Charles Plosser, in una conferenza all’Economic Club di New York ha sostenuto che il raggiungimento degli obiettivi da parte della FED arriverà molto prima del previsto e che sarà necessario modificare le linee guida della FED che, al momento, sono troppo passive rispetto alle condizioni economiche sottostanti. Anche il presidente della Federal Reserve di St. Louis, James Bullard, ha espresso il proprio parere favorevole per un rialzo dei tassi di interesse al primo trimestre del 2015, ben prima delle aspettative del mercato (secondo/terzo trimestre del 2015).

La recente debolezza del biglietto verde aveva portato il cross eurusd a salire notevolmente, dando continuità al movimento rialzista partito dai bottom di giugno e toccando un massimo degli ultimi due mesi circa a 1,37.

La correzione delle ultime due sedute si inquadra in una fase di ritracciamento fisiologico dopo la forte accelerazione positiva. Discese fino sui sostegni a 1,3625 resterebbero compatibili con l'ipotesi di realizzazione di un ulteriore segmento rialzista in grado di attaccare gli ambizioni obiettivi posizionati a 1,3775, bottom del 30 aprile, e 1,3810, ultimo dei ritracciamenti di Fibonacci della discesa dai top di maggio. Conferme per tali prospettive grafiche arriveranno con una perentoria vittoria di 1,37. Discorso diverso, invece, in caso di violazione al ribasso dei sostegni a 1,3625, preludio a una possibile ricaduta fino sullo strategico supporto di 1,35.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Le basi del trading

  • Spiegazione sulle commodities

    Quali componenti essenziali per la produzione di tutti gli altri beni, le commodities (o materie prime) sono di vitale importanza per le moderne economie. Scoprite come queste risorse naturali, volatili eppure inestimabili, si collocano nel più ampio mondo del trading.

  • Supporto e resistenza

    Scoprite come gli analisti utilizzano i grafici per studiare il comportamento degli investitori e comprendere i pattern del mercato. Imparate a usare i vari tipi di grafici e a identificare i pattern di prezzo in formazione.

  • Prezzi e ponderazione

    Scoprite la finalità degli indici azionari e come questi vengono elaborati. Imparate come ottenere una posizione su questi mercati volatili avvalendovi di uno dei prodotti di trading più diffusi al mondo.

IG presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.