Week Ahead: Settimana 22-26 Febbraio

Agenda dei principali eventi economici della settimana

bg_oil_pipework_refinery_1548767
Fonte: Bloomberg

Ultime due sedute di settimana in ribasso per i mercati azionari che hanno limitato notevolmente i guadagni evidenziati nelle prime tre sessioni di ottava.

Anche i brillanti dati macroeconomici pubblicati negli Stati Uniti (inflazione superiore alle attese) non sono riusciti a dare una direzione alle piazze azionarie ancora troppo legate all’andamento del petrolio.

Oggi l’US Light Crude ha dato continuità al ribasso partito ieri. Dopo le notizie su un possibile piano di congelamento della produzione di greggio sui livelli di gennaio è tornato il pessimismo tra gli investitori sul mercato oil. Lo dicevamo già nei giorni scorsi come la volatilità rimarrà molto elevata a lungo. Un accordo tra paesi OPEC e non-OPEC sulla produzione è molto difficile che possa essere raggiunto nel breve.

La riunione di Doha in Qatar è stato un primo passo per sensibilizzare i paesi produttori a intervenire il prima possibile per dare un equilibrio al mercato. Alcuni paesi (Russia e Arabia) sono pronti a congelare la produzione ma non a tagliarla. L’Iran nella successiva riunione di Teheran ha aperto uno spirato a possibili colloqui per trovare una soluzione ai prezzi decrescenti del greggio ma il suo vero interesse è quello di riguadagnare le quote di mercato perse dopo anni e anni di limiti alle esportazioni di greggio a causa delle sanzioni economiche. Teheran vuole riconquistare i clienti a qualsiasi costo/prezzo. E’ da mesi che il ministro del petrolio Zanganeh sta trattando con India e gli altri paesi della zona (Pakistan e Bangladesh) per aumentare le esportazioni di greggio e gas. E’ sul tavole delle trattative un nuovo progetto di gasdotto marino che dovrebbe portare direttamente il gas dall’Iran all’India (bypassando il “nemico” Pakistan). Trattative sempre a prezzi bassi vista la concorrenza della Russia e dell’Arabia Saudita interessate a mantenere le proprie quote di mercato.

La prossima settimana è abbastanza ricca di dati macroeconomici. Dalle cifre sul PIL di Germania, Francia, Gran Bretagna e Stati Uniti agli indici PMI europei, dall'inflazione della Zona Euro all'indice core PCE del paese a stelle e strisce.

 

Lunedì 22 Febbraio

Indice PMI manifatturiero e dei servizi, FRANCIA, ITALIA, ZONA EURO;

Indice Chicago FED Nat. Activity, STATI UNITI;

Indice PMI manifatturiero; STATI UNITI;

Vendite di nuove case, STATI UNITI.

 

 

Martedì 23 Febbraio

Esportazioni/Importazioni, GERMANIA;

PIL 4T, GERMANIA;

Indice IFO, GERMANIA;

Indice dei prezzi delle abitazioni S&P/Case Shiller, STATI UNITI;

Indice di fiducia dei consumatori (Conference Board), STATI UNITI;

Vendite di case esistenti, STATI UNITI;

 

 

Mercoledì 24 Febbraio

Indici anticipatori, GIAPPONE;

Indice PMI dei servizi, STATI UNITI

Vendite di nuove case, STATI UNITI;

Scorte di petrolio, STATI UNITI.

 

Giovedì 25 Febbraio

PIL 4T, GRAN BRETAGNA;

Inflazione, ZONA EURO;

Richieste settimanali di sussidi disoccupazione, STATI UNITI;

Ordini di beni durevoli, STATI UNITI.

 

Venerdì 26 Febbraio

Inflazione, GIAPPONE;

PIL 4T, FRANCIA;

Indici di fiducia, ZONA EURO;

Inflazione, GERMANIA;

PIL 4T, STATI UNITI;

Reddito personale, STATI UNITI;

Spesa per consumi, STATI UNITI;

Indice core PCE, STATI UNITI;

Indice di fiducia dei consumatori (Michigan), STATI UNITI.

 

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.