Turchia prova a rubare la scena alla Fed

Dopo la Banca centrale indiana (Reserve Bank of India, RBI), nella notte anche quella turca (Central Bank of the Republic of Turkey, CBRT) è intervenuta per sostenere la lira turca innalzando i tassi di interesse. 

Il tasso di riferimento principale è stato così portato al 12% (dal 7,75%), mentre il repo rate a una settimana è passato al 10% dal 4,5%. È stata una mossa “straordinaria” nella portata, non nella tempistica, dato che nel meeting di una settimana fa qualcosa si sarebbe potuto fare per evitare le tensioni che hanno colpito le borse giovedì e venerdì. La portata eccezionale mira non solo ad arginare la caduta della valuta nazionale, ma anche a dare un forte segnale ai mercati sulla credibilità della Banca centrale e sulla ferma intenzione a contrastare ogni deprezzamento futuro della lira.

La reazione dei mercati non si è fatta attendere. La lira ha recuperato terreno sia verso dollaro che verso euro, con i rispettivi cross che sono scesi al 2,16 (da 2,39) e al 2,95 (dal 3,27), minimi della prima settimana dell’anno. I listini asiatici hanno approfittato per recuperare terreno e in Europa tutte le piazze sono attese in deciso rialzo. L’attenzione ora si sposta alla Federal Reserve che alle 20 comunicherà la propria decisione di politica monetaria. I dati deludenti degli ultimi giorni non dovrebbero cambiare le attese di un tapering compreso tra i 10 e i 15 miliardi di dollari. Le pressioni sugli emergenti saranno più contenute, dato che molto è stato scontato nello shock della scorsa settimana.

Certo è che se alla Banca Centrale turca occorre un rialzo dei tassi di oltre 400 punti per muovere i listini, alla Fed basterà cambiare alcune parole per muovere tutti gli asset mondiali, a conferma di come l’attesa sia comunque forte.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Le basi del trading

  • Tipologie di ordine

    Imparate come aprire e chiudere una posizione, scegliendo tra la semplice contrattazione immediata e le istruzioni impartite automaticamente per negoziare in vostra assenza. Gli ordini possono aiutarvi ad assicurarvi dei profitti o a proteggervi dalle perdite: scopritene i vari tipi e guardate come utilizzarli.

  • Modalità di trading

    Quali componenti essenziali per la produzione di tutti gli altri beni, le commodities (o materie prime) sono di vitale importanza per le moderne economie. Scoprite come queste risorse naturali, volatili eppure inestimabili, si collocano nel più ampio mondo del trading.

  • Prezzi e ponderazione

    Scoprite la finalità degli indici azionari e come questi vengono elaborati. Imparate come ottenere una posizione su questi mercati volatili avvalendovi di uno dei prodotti di trading più diffusi al mondo.

IG presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.