Trump spiazza tutti e ottiene la nomination prima della Clinton

Il tycoon newyorkese supera la soglia di delegati necessari per la nomination (1.237)

Trump

Ha sbaragliato gli avversari molto prima del termine delle primarie, superando ogni aspettativa. Così Donald Trump si presenterà alla Convention repubblicana di luglio certo già della sua nomination per la corsa alla Casa Bianca. A nulla sono valsi i tentativi dei suoi sfidanti, che voto dopo voto, si sono fatti da parte lasciando campo libero al miliardario newyorkese. A questo punto, i vertici del Partito repubblicato dovranno farsene una ragione. Dei segnali di schiarita sembrano iniziare ad affiorare, probabilmente grazie al fatto che Trump continua a guadagnare punti anche sulla Clinton nella corsa alle presidenziali di novembre.

Neanche le accuse mosse dal Telegraph sull’elusione fiscale da 50 milioni di dollari sembra scalfire la sua fama. Proprio la nomination ottenuta in anticipo rispetto alla sua probabile avversaria sulla sponda democratica potrebbe essere un segnale di quanto sia forte in questo momento il consenso intorno a Trump.

La Clinton, dal canto suo, rimane in rotta per ottenere la nomination già il 7 giugno prossimo, quando le primarie e i caucus coinvolgeranno 6 Stati, tra cui la California (che da sola assegnerà 546 delegati). L’ex segretario di Stato sembra perdere colpi. Negli ultimi 5 appuntamenti, ne ha persi ben 4 contro il suo avversario, Bernie Sanders. Probabilmente, lo scandalo del mail gate sta contribuendo a rallentare la sua corsa alle primarie. A dimostrazione di ciò, vi è anche l’accordo per un dibattito tv tra Sanders e Trump prima delle primarie del 7 giugno, che esclude la Clinton.

A quanto pare, dopo il 7 giugno avremo gli ultimi responsi. Bisognerà poi aspettare il passaggio formale delle Convention di luglio. In quelle date, avendo conosciuto il responso sulla Brexit, il mercato potrebbe tornare a concentrarsi sugli eventi dell’altra sponda dell’oceano, che coinvolgerà da un lato la Fed e dall’altro la politica.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.