Timori Cina permangono sui mercati

Il rimbalzo sulle borse europee perde spinta dopo l'apertura.

bg_Shanghai_China_PX00235_9
Fonte: Bloomberg

Non poteva esserci esordio peggiore sui mercati finanziari per questo 2016. Le borse di tutto il mondo hanno chiuso ieri la prima seduta dell’anno con pesanti perdite dovute al riemergere dei timori sul rallentamento della Cina e alle tensioni geopolitiche. Le vendite erano partite nella notte sui mercati asiatici dopo la pubblicazione dell’indice PMI manifatturiero di dicembre.

Questa mattina dopo un'apertura positiva, le piazze finanziarie europee hanno subito assottigliato i guadagni, segnalando come il sentiment in questo momento rimanga abbastanza fragile. I timori sulla Cina che hanno accompagnato il 3° e 4° trimestre del 2015 sono destinati a continuare almeno per tutto il primo semestre dell'anno, pertanto ci aspettiamo una volatilità molto sostenuta sui listini mondiali.

I dati che arrivano dal comparto manifatturiero cinese sottolineano una contrazione perdurante nonostante le misure di stimolo adottate dal governo di Pechino e dalla Banca centrale cinese nell'ultimo semestre.

Sulle vendite di ieri ha inciso anche l’approssimarsi del termine al divieto alle vendite (in scadenza l'8 gennaio) imposta a giugno e luglio dello scorso anno dalle autorità cinesi dopo la forte volatilità. Sempre oggi è entrata in vigore la nuova regolamentazione volta anch’essa a spegnere le accensioni di volatilità sui listini cinesi. Al suo esordio, la norma si è resa subito operativa. Gli indici azionari cinesi sono stati sospesi per 15 minuti dopo essere arrivati a perdere il 5%. Subito dopo il ritorno agli scambi le vendite si sono accentuate e gli indici di Shanghai e Shenzhen hanno sospeso anzitempo le contrattazioni dopo essere arrivate a perdere circa il 7%, come da regolamentazione.

Intanto questa notte le vendite sulle borse cinesi sono proseguite, sebbene a un ritmo inferiore rispetto al tonfo di ieri. Sui desk di tutto il mondo circolano rumors di un intervento della Banca centrale di 20 miliardi di dollari a sostegno del mercato azionario.

Il sentiment del mercato ha risentito anche del riaccendersi delle tensioni geopolitiche tra Iran e Arabia Saudita a seguito dell’evoluzione degli eventi degli ultimi giorni. Oggi anche Sudan e Bahrein si sono uniti a Riad, rompendo i rapporti diplomatici con Teheran. L’impatto delle tensioni sono state ben visibili sui prezzi del greggio, tornato ai massimi da oltre 3 settimane, prima di ripiegare sui livelli medi di scambio degli ultimi giorni.

Anche le indicazioni arrivate ieri dall'economia statunitense non hanno rasserenato gli animi degli operatori. Sia l’indice PMI che l’ISM relativi al comparto manifatturiero sono scesi inaspettatamente a dicembre attestandosi, rispettivamente, a 51,2 punti (minimi da novembre 2012) e a 48,3 punti (minimi da giugno 2009). A questo punto non resta che attendere le indicazioni che arriveranno dalle trimestrali della prossima settimana (Alcoa in agenda lunedì 11 gennaio), utili per capire quanto abbiano impattato sui conti delle aziende statunitensi il dollaro forte e i consumi natalizi dell’ultimo trimestre dell’anno. A poco sono servite le letture positive degli indici PMI della zona euro, tra cui quella particolarmente brillante dell’Italia (ai massimi da marzo 2011).

La fase di risk off ha penalizzato gli asset rischiosi, equity in particolare, e ha favorito le asset class percepite più sicure, come oro, yen e Bund. Il tipico fenomeno di flight to quality ha spiegato tutti i suoi effetti. Male anche l’euro che ha perso terreno verso le principali valute mondiali, in particolare verso dollaro e yen. Complice di ciò sono stati anche i dati peggiori delle attese sull’inflazione preliminare di dicembre in Germania. Il cambio Eur/Usd è sceso sotto il supporto importante collocato a 1,08, aggiornando i minimi da oltre un mese, mentre il cambio Eur/Yen ha toccato 128,65, livelli che non vedeva da aprile 2015. Proprio lo yen è stata tra le migliori valute oggi, confermando quindi la sua natura di asset rifugio. I volumi sono risultati più alti della media di periodo e le incertezze potrebbero durare ancora qualche giorno prima che la situazione si stabilizzi.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.