Sondaggi in leggero calo per il Brexit

Ultimi sondaggi in favore dello stay ma risultati ancora troppo vicini

bg_city_of_london_1549423
Fonte Bloomberg

I recenti sondaggi pubblicati da YouGov hanno evidenziato un leggero aumento delle preferenze dei britannici per la permanenza nell’Unione Europa (“stay”). Il Brexit ovvero l’uscita della Gran Bretagna dall’UE ha ottenuto nei polls di marzo di YouGov il 36% dei consensi in media contro il 40% delle preferenze per la permanenza.

I risultati sono ancora troppo vicini per indicare un trend significativo. Dobbiamo anche citare l’ultimo sondaggio di fine febbraio pubblicato da ORB per il giornale The Inpendent che, venerdì scorso, ha invece dato la possibile vittoria per il “Leave” al 52% (lo “Stay” al 48%).

Tutto è ancora possibile visto l’elevato numero di incerti (per le case di sondaggio sono almeno il 20% degli inglesi).

E’ interessante osservare anche le quote dei siti britannici di scommesse (le “brexit referendum betting odds”). Per tutti i siti la permanenza all’interno dell’UE e’ favorita con una quota inglese media di 1/3 (ovvero scommettendo 3 sterline ne ricevo 4 ovvero 1 sterlina di guadagno per una quota italiana di 1,33). Per il Brexit la quota media è 9/4 ovvero una quota italiana di 3,25.

La sterlina dopo le forti perdite registrate tra dicembre 2015 e febbraio 2016 ha evidenziato nel mese di marzo una reazione importante. Il Cable dai minimi a 1,3835 è risalito fino a 1,4284 per poi stabilizzarsi appena sopra 1,42. Reazioni anche contro yen e contro euro.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.