S&P500, prova a tenere i recenti minimi

Tenta di resistere ai cali l’indice S&P500 dopo il recupero sul finale di ieri. 

bg_wall_street_973269
Fonte: Bloomberg

Nonostante l’apertura in pesante calo, l’indice è riuscito a recuperare gran parte delle perdite chiudendo in timido calo. Il mercato continua ad apparire molto nervoso e volatile in vista dei prossimi dati macro e delle decisioni di politica monetaria della Bce.

Nella mente degli investitori sembra essere ormai radicata l’idea che la Fed si appresti ad alzare i tassi di interesse a un ritmo più veloce di quanto ci si aspettava poco tempo fa. Il continuo rafforzamento del dollaro ne è una chiara dimostrazione.

Sul mercato azionario, l’incertezza si riflette sulle borse alternando sedute positive a sedute in forte calo. Per ora, però, i supporti tecnici sembrano resistere. L’S&P500, l’indice azionario più importante del mondo, ha arrestato la fase discendente in area 1.965 punti, ben lontano dai minimi di agosto (1.900 punti). La perforazione di questo livello potrebbe condurre a un test rapido verso la trend line rialzista che congiunge i minimi degli ultimi due anni. Graficamente, una tenuta di questo supporto rilancerebbe le aspettative rialziste di breve termine in grado di riportare l’indice prima verso i recenti massimi storici a 2.020 punti e poi verso 2.050 punti.

Indicazioni negative arriverebbero con il cedimento della trend line suddetta, che potrebbe alimentare spinte ribassiste verso i minimi di agosto, dove passa ora anche la media mobile a 200 giorni.

s&p

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.