S&P500: iniziata la stagione delle trimestrali con Alcoa, attesa per i bancari nei prossimi giorni

Alcoa in forte calo nel premarket, domani i dati di JPMorgan Chase e Wells Fargo

Movimenti ridotti per l’indice S&P500 che, al momento, non risente particolarmente dell’avvio deludente della stagione delle trimestrali delle imprese statunitensi con Alcoa. Grande attesa tra gli investitori soprattutto per le cifre del comparto bancario che pubblicherà i dati nei prossimi giorni (domani JPMorgan Chase, Wells Fargo, mercoledì Bank of America e giovedì Citigroup e Goldman Sachs). Intanto gli addetti ai lavori continuano a discutere sulle cifre macro pubblicate venerdì scorso sul mondo del lavoro che hanno mostrato una debole creazione di impieghi nel mese di dicembre. Crediamo che i dati possano convincere i membri del Board a proseguire il tapering (riduzione graduale del piano di acquisti di titoli gobernativi da parte della FED) senza dover accelerare il processo. Attenzione inoltre negli States anche agli interventi di alcuni banchieri centrali (tra tutti Fisher e Plosser) che potrebbero fornire indicazioni importanti sulle prossime mosse dell’istituto centrale del paese a stelle e strisce.

Dal punto di vista tecnico nelle ultime settimane il principale indice statunitense ha evidenziato una fase di consolidamento dopo aver toccato nuovi massimi storici a fine 2013. Per rilanciare la spinta rialzista i prezzi dovranno superare le resistenze in area 1850, oltre alle quali si creerebbero i presupposti per un allungo in direzione degli obiettivi posizionati a 1880 circa. Timidi segnali negativi giungeranno, invece, con il cedimento del supporto a 1814, top di fine novembre, preludio a un possibile calo verso 1760.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.