Petrolio: nuovi minimi da aprile 2009

Avvio di settimana ancora in discesa per i prezzi del greggio, brent a 48,70 dollari al barile, wti a 47,30

bg_oil_field_fire_652335
Fonte Bloomberg

Prosegue il calo delle quotazioni del petrolio sulla scia del taglio delle stime da parte di Goldman Sachs. La banca d’affari ha, infatti, deciso di abbassare le previsioni sul prezzo medio del Brent nel 2015 da 83,75 a 50,40 dollari al barile e del WTI light crude da 73,75 a 47,15 dollari.

Anche noi riteniamo che nel breve periodo possa continuare la flessione del greggio. Al momento non vi è stato alcun segnale (tecnico o fondamentale) per una possibile inversione di tendenza. Il WTI potrebbe puntare i sostegni in area 45 dollari al barile, bottom del 21 aprile 2009, importante supporto di lungo periodo. Stesso discorso per il Brent che si avvicina a 47,50, soglia importante per il quadro tecnico. La strada da percorrere per inviare indicazioni di ripresa è veramente lunga per entrambi gli strumenti. Per il WTI avremo timidi segnali positivi sopra 52 dollari al barile, per il brent con il superamento dei 55 dollari al barile. 

Trova articoli per analista

Trova un articolo

IG presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.