Oro si conferma dollaro-dipendente, rimbalzi solo temporanei

Torna a scendere il prezzo dell’oro dopo i rialzi delle ultime due settimane.

bg_gold_1281125
Fonte: Bloomberg

Il recente recupero del metallo prezioso è dipeso principalmente dalle prese di fiato del dollaro statunitense, dopo i toni accomodanti di Janet Yellen nel meeting di politica monetaria di marzo.

A dare ulteriore spinta a questo recupero, la scorsa settimana si sono aggiunge le tensioni geopolitiche che sono sfociate nei raid aerei in Yemen da parte dell’Arabia Saudita. Nelle ultime tre sedute, la ripresa dell’apprezzamento del dollaro statunitense ha alimentato una serie di prese di profitto sul metallo giallo, che è tornato in area 1.180.

Cosa aspettarsi? In un’ottica di breve periodo, le tensioni geopolitiche potrebbero far emergere sprazzi di avversione al rischio che potrebbero far emergere di tanto in tanto le quotazioni. Questi fenomeni saranno solo di carattere temporaneo. Nel lungo periodo, infatti, ci aspettiamo che il trend discendente guadagni forza e per fine anno, potremmo attestarci al ridosso dei 1.000 dollari/oncia.

Dal punto di vista tecnico, il rimbalzo degli ultimi giorni si è arrestato in area 1.220 dollari/oncia, ben lontano dai picchi di inizio anno (a 1.307 dollari). Questa mattina le quotazioni oscillano a 1.180 dollari, supporto nel 2013 e buona parte del 2014 e 50% del ritracciamento di Fibonacci nell’ascesa delle ultime due settimane.

Un cedimento di questo supporto potrebbe aprire a un’estensione della flessione verso area 1.160 dollari, ultimo baluardo prima che i prezzi tornino a mettere pressione ai minimi di marzo a 1.140 dollari. La prima vera resistenza si colloca, invece, a 1.220 dollari. Solo un superamento di questo target potrebbe portare a un’accelerazione in direzione della trend line ribassista che congiunge i top di agosto 2013 con quelli di inizio 2015. Qui la resistenza sarà molto forte e le vendite potrebbero tornare a dominare.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.