Oro: nuovi minimi degli ultimi 5 anni

Scivolano le quotazioni del metallo prezioso durante le contrattazioni in Asia su nuovi bottom dal 2010

bg_gold_1281125
Fonte Bloomberg

Forti vendite sull’oro che all’apertura delle negoziazioni nelle piazze asiatiche è sceso sotto la soglia dei 1100 dollari l’oncia fino a un bottom intraday a 1085, nuovo minimo dal febbraio 2010. Il panic sell-off della seduta odierna ha ricordato quello del 6 gennaio 2014, legato a problemi tecnici sull’algoritmo di molti HFT, clienti di Mirus Futures, che utilizzavano la piattaforma Zenfire.

Da un punto di vista fondamentale la vendita dell’oro può essere legata a una variazione delle attese degli investitori su un sempre più prossimo rialzo dei tassi d’interesse negli Stati Uniti. Un ribasso così repentino, senza la pubblicazione di dati macroeconomici, è tuttavia più legato a movimenti speculativi o errori del sistema.  

Graficamente la rottura del supporto a 1130 ha inviato un importante segnale ribassista, creando i presupposti per una estensione della discesa verso i supporti posizionati a 1030, minimo di ottobre 2009, e 1000, importante soglia psicologica. Conferme per tale scenario arriveranno con il cedimento dei minimi odierni a 1085. Discorso diverso invece in caso di ritorno al di sopra di 1145, preludio a una possibile ascesa verso 1175.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.