Petrolio, OPEC sorprende il mercato

Dopo otto anni arriva l'accordo sul taglio della produzione.

bg_oil_barrels_1104729
Fonte: Bloomberg

Mette a segno il maggior balzo da aprile scorso il petrolio, che ieri sera è arrivato a guadagnare quasi il 6% dopo le notizie arrivate da Algeri dove era in corso il meeting OPEC.

Secondo quanto riportato nel comunicato e dai vari ministri a margine dell’evento, tra cui quello iraniano, Bijan Zanganeh, la produzione di greggio dovrebbe attestarsi in un range compreso tra 32,5-33 milioni di barili al giorno (b/g) a partire dal 2017. Probabilmente il taglio alla produzione potrebbe essere fissato sulla parte bassa della forchetta, il che vale a dire un taglio di circa 750 mila b/g dai 33,24 mln b/g prodotti attualmente.

Erano ben otto 8 anni che mancava un accordo su un taglio della produzione di petrolio e le disfatte degli ultimi meeting non creavano delle buone premesse neanche per questo appuntamento. La decisione ha evidentemente sorpreso gli investitori che si aspettavano l’ennesimo nulla di fatto. Crediamo, però, che il rimbalzo dei prezzi incorporino proprio questa sorpresa, nulla di più.

L’accordo in sé, infatti, per ora sembra essere più un impegno a sedersi alla riunione OPEC del prossimo 30 novembre con una base di partenza importante, ovvero ridurre la produzione. In quell’occasione saranno decise le soglie di produzione dei singoli Paesi e questo potrebbe sollevare criticità, a tal punto da rimettere in discussione l’accordo stesso.

Per questi motivi, crediamo che gli investitori non si lasceranno andare all’euforia prima di quell’evento.

Non solo. Ora sarà chiamata in causa anche la Russia, dato che un accordo di massima tra i vari Paesi OPEC era la premessa per far sedere al tavolo dei negoziati il ministro dell'energia russo, Alexander Novak. Su questo punto non dovrebbero esserci pressioni importanti, dato che il Paese ex Unione Sovietica è motivato a tenere alte le quotazioni del greggio.

Nel breve, ci aspettiamo che il petrolio possa rimanere ancora nel range compreso tra i 45-52 dollari, almeno sino al 30 novembre. Qualche tentativo di cedimento del greggio potrebbe essere stemperato dalla debolezza del dollaro, che risentirà del surriscaldamento del clima elettorale statunitense.

Il 30 novembre in caso di accordo, le quotazioni potrebbero anche tentare di superare i 55 dollari, anche se l’effetto potrebbe non durare a lungo. In un’ottica di lungo periodo, infatti, crediamo che un taglio di simile portata possa essere compensato da una sensibile ripresa della produzione di shale oil negli Usa.

Intanto oggi il settore petrolifero sta facendo da traino ai listini europei. Sul Ftse Mib svettano Eni, Saipeme Tenaris.

Il titolo del cane a sei zampe sta tentando di tornare verso quota 13 euro, soglia oltre la quale si creerebbero i presupposti per attaccare nuovamente i massimi di settembre, a 14 euro. Il titolo si è lasciato indietro un gap up importante che potrebbe essere chiuso solo in seguito.

Rialza la china anche SAIPEM, dopo il tonfo delle ultime sedute. In questo caso, solo un superamento di 0,3750 euro potrebbe far allontanare il titolo dall’area di pericolo degli ultimi giorni. L’obiettivo principale rimane a 0,42 euro, massimi allineati tra agosto e settembre.

Volano anche le commodity currency legate al petrolio, prima su tutte il rublo, salito ai massimi da due mesi verso il dollaro statunitense.

Bene anche il dollaro canadese e la corona norvegese, quest'ultima salita ai massimi da 5 mesi verso il biglietto verde.

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.