Nikkei nuovi record degli ultimi otto anni

L’indice giapponese continua il suo pattern rialzista e segna nuovi massimi da luglio 2007

bg_japanese_traders_1204373
Fonte Bloomberg

In una seduta caratterizzata da volumi sottili sulla scia della chiusura di molti mercati asiatici per la celebrazione delle festività del capodanno lunare l’indice giapponese non tradisce le aspettative positive e segna nuovi record avvicinandosi ai picchi dell’estate 2007 a 18300.

Nel meeting odierno la Bank of Japan ha deciso di non intervenire ulteriormente con nuove strategie monetarie accomodanti. Il governatore Haruhiko Kuroda, nonostante abbia sottolineato i rischi della bassa inflazione nel breve periodo, ha ribadito come il marcato rallentamento della crescita dei prezzi al consumo sia solamente  legata a cause temporanee (crollo dei prezzi degli energetici) e nel medio-lungo periodo l’inflazione tornerà ad avvicinarsi al target del 2%.

Dal punto di vista grafico il trend rialzista di breve partito da minimi di gennaio continua a dare segnali di forza. Il superamento delle resistenze situate a 18100 ha dato ulteriore spinta all’indice nipponico creando i presupposti per i target a 18775.  Sopra tale riferimento l’obiettivo di medio/lungo periodo è ipotizzabile a 20700, top di marzo 2000. Primi segnali di debolezza  con il cedimento della trendline positiva al momento in transito a 17900, preludio a un possibile calo verso 17170.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.