Nasdaq 100 ai massimi dal 2000 in attesa di Google

Tocca i nuovi massimi da novembre del 2000 il Nasdaq 100 che festeggia nel migliore dei modi l’accordo raggiunto negli Usa sul tetto del debito e sullo shutdown

L’indice tecnologico più importante del mondo ora attende le trimestrali delle big di Times Square. Questa sera a mercati chiusi sarà Google a togliere il velo sui conti del 3° trimestre, mentre per Apple bisognerà attendere solo il 28 ottobre. Dal punto di vista tecnico, l’indice si è portato ieri ai massimi degli ultimi 13 anni raggiungendo quota 3.280 punti. La violenta accelerazione dai minimi di ottobre potrebbe aprire a una fase di temporaneo calo. Il primo livello di pull back rimane a 3.240 punti, primo dei ritracciamenti di Fibonacci nello sprint dell’ultime 5 sedute e minimo da inizio settimana. Un supporto più importante rimane a 3.120, bottom di ottobre, la cui perforazione potrebbe aprire a un ritorno della debolezza con target a 3.050. Indicazioni positive arriverebbero invece con il superamento dei massimi di ieri che potrebbero portare a un allungo verso 3.300 punti prima e 3.350 poi.

Strategia operativa intraday: Long sopra .3.280 con target 3.300 punti. Short dai livelli attuali con primo target a 3.240 e 3.200 punti.

 

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.