Lira turca si stabilizza dopo forti vendite

Nelle ultime ore la divisa di Ankara ha recuperato un po' di terreno dopo le violente vendite degli ultimi giorni.

lira turca, Turchia, erdogan
fonte: Bloomberg

Questa settimana la lira turca ha sottratto alla moneta unica il primato di peggior valuta a livello mondiale contro il biglietto verde da inizio anno (-14%).

I movimenti sono riconducibili a fattori sia di natura economica che politica.

I dati macro deboli continuano a richiedere un atteggiamento accomodante da parte della Banca centrale (CBRT), che si riunirà il 22 aprile. Il tasso di inflazione rimane ben al di sotto dai livelli del 2014. Questo perchè il crollo delle quotazioni petrolifere,di cui il Paese ne è un forte importatore.

Pertanto sarebbe auspicabile che la CBRT continui a portare avanti la politica di taglio dei tassi, che dall’estate scorsa ha visto il costo del denaro passare dal 10% al 7,5%.

Il quadro è complicato dall’alto deficit delle partite correnti che il paese ha a seguito dei forti flussi di finanziamenti che arrivano dall’estero. L’eventuale riduzione dei tassi di interesse della Banca centrale nazionale e i timori di un rialzo dei tassi da parte della Federal Reserve, potrebbe ridurre sensibilmente gli investimenti esteri diretti nel Paese, aggiungendo vendite sulla divisa turca.

Il recupero dei prezzi del greggio poi rende più costoso l’approvvigionamento di petrolio da parte di Ankara. Non a caso il deprezzamento della lira turca si è accentuato a partire da fine gennaio. Da allora il Brent ha fatto segnare un balzo del 30%. Infine, sul mercato inizia a pesare anche l’incertezza politica in vista della tornata elettorale del 7 giugno.

Cosa aspettarsi? L’impressione è che il destino della lira turca rimane direttamente legato agli scenari sui tassi di interesse della Fed e sul petrolio. Dovremmo abituarci alla volatilità quindi. Se i dati Usa dovessero continuare a deludere (in particolare il focus è sul Pil a stelle e strisce che sarà pubblicato il 29 aprile) e i prezzi del petrolio dovessero stabilizzarsi, la divisa turca potrebbe recuperare terreno. In caso contrario, le vendite torneranno a prevalere.

Dal punto di vista tecnico, il cambio Usd/Try, dopo i recenti massimi, potrebbe tentare ora una correzione fisiologica, verso 2,67 prima e 2,65 poi. Il supporto dinamico importante è quello dettato dalla trend line che congiunge i massimi di febbraio con i minimi di marzo. Sarà questo il livello al di sotto del quale il cross potrebbe preannunciare una perdita di spinta e aprire a una possibile inversione del trend rialzista in atto.

L’eventuale tenuta dei supporti sopra citati potrebbe aprire lo spazio per un ritorno a 2,73 e poi da qui verso nuovi massimi. Non ci sentiamo di escludere che il cambio possa arrivare verso area 3 in prossimità dell’appuntamento elettorale di giugno.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.