Le borse approvano il QE, Eurostoxx ai massimi dal 2008

Dopo la chiusura dei listini europei, gli acquisti sono proseguiti anche a Wall Street e in Asia.

bg_us_traders_1486529
Fonte: Bloomberg

Il nuovo piano di QE, tanto atteso da mesi, alla fine sembra aver entusiasmato gli operatori solo per l’importo massiccio. Il piano prevede acquisti mensili da 60 miliardi di euro, a partire da marzo 2015 sino a settembre 2016. Gli acquisti saranno ripartiti in base alle quote possedute dai vari Paesi presso la BCE e avranno ad oggetto titoli di Stato e asset delle Istituzioni europee con rating almeno pari all’investment grade. Sul totale degli acquisti, solo il 20% del rischio (ripartito in così 12% degli asset delle agenzie Istituzionali europee e 8% dei titoli di Stato) sarà condiviso, e quindi finirà nel bilancio BCE.  La restante parte del rischio rimane a carico delle singole Banche centrali nazionali. Altro provvedimento deciso nella riunione di oggi è che nelle prossime aste TLTRO il tasso sarà allineato a quello di rifinanziamento principale, eliminando lo spread di 10 punti base esistente.

I mercati sembrano aver apprezzato inizialmente l’importo monstre, che non era del tutto scontato dai mercati. La bassa condivisione del rischio della Bce ha lasciato un po’ di amaro in bocca e sembra essere il frutto del compromesso con la Bundesbank. Con la manovra di oggi la BCE ha confermato di essere una Banca poco centrale. Sebbene avere in bilancio i titoli di Stato del proprio Paese rimanga un rischio che si concretizza per le Banche centrali solo nell’ipotesi di default del Paese stesso (circostanza remota), l’elemento negativo è rappresentato dalla perdita di credibilità di una Banca centrale, dato che scarica la responsabilità delle proprie decisioni sui singoli Paesi. Con questa ripartizione del rischio, probabilmente la Germania avrebbe apprezzato anche importi superiori di QE, se poi alla fine erano i singoli Paesi a farsene carico. È pur vero che questa impalcatura evita che i singoli governi non vadano avanti con le riforme fiscali, dato che un eventuale fallimento graverebbe sui bond in mano alla Banca centrale nazionale e quindi ancora una volta sui cittadini.

E allora da cosa deriva la buona reazione delle borse? Beh, crediamo che una buona parte della liquidità che arriverà alle banche sarà dirottata sui mercati finanziari, mentre la decisione di allineare il tasso delle TLTRO a quello delle operazioni di rifinanziamento principale avrà impatto sull’economia reale.

Se la ripartizione dei rischi fosse stata condivisa a metà tra le Bance centrali nazionali e la BCE, probabilmente la seduta di ieri si sarebbe dovuta chiudere con rialzi superiori al 4%.

In ogni caso, crediamo che i mercati continueranno a correre. L'Eurostoxx ieri ha toccato i nuovi massimi da settembre 2008, arrivando a 3.360 punti. Il superamento dei massimi dello scorso anno a 3.320 punti, apre ora al raggiungimento di area 3.400 punti.

La resistenza di medio lungo termine rimane a 3.900 punti. La prima parte di pull back rimane a 3.300 punti e poi a 3.200.

Eu

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.