La RBA taglia ma AUD si muove poco

La banca centrale australiana ha abbassato i tassi d'interesse di 25 punti base dall'1,75% all'1,50%.

bg_glenn_stevens_1327583
Fonte Bloomberg

La Reserve Bank ha deciso di non essere più prudente, tornando a essere aggressiva sul mercati tagliando i tassi d’interesse di 25 punti base dall’1,75% all’1,50%, minimi record.

Il Governatore Glenn Stevens ha evidenziato come le economie emergenti abbiano mostrato un peggioramento delle condizioni economiche e la Cina, nonostante le manovre di sostegno governative, non riesce a mostrare segnali di accelerazione nella crescita.

L’inflazione rimane su livelli ancora troppo bassi. Tenendo conto delle basse pressioni sul costo del prezzi a livello globale e una bassa crescita dei costi operativi Stevens è convinto che l’indice dei prezzi al consumo evidenzierà una crescita molto moderata anche nei prossimi mesi.

Un problema evidente tuttavia è la mancanza di preoccupazione degli esperti della RBA sugli effetti dei tassi bassi sul mercato immobiliare.

L’ultimo meeting della RBA presieduto dal Governatore Stevens (il prossimo governatore sarà Philip Lowe) non ha quindi mostrato particolari sorprese. Il mercato si aspettava con una probabilità implicita del 70% un taglio dei tassi.

Per tale ragione la reazione del dollaro australiano non è stato particolarmente forte. Il cambio dollaro australiano/dollaro statunitense è sceso alle 6,30 non appena è stata annunciata la manovra, toccando un minimo a 0,7490 da 0,7540 ma è poi tornato a salire su livelli anche superiori. Al momento il cambio si attesta, infatti, a 0,7575.

Guardando nel medio periodo ci aspettiamo un altro taglio dei tassi d’interesse di 25 punti base nel meeting del consiglio monetario della RBA di novembre dopo la pubblicazione a ottobre dell’inflation report. Riteniamo che i tassi d’interesse in Australia a fine anno saranno quindi all’1,25%.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

IG presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.