Fed non teme la forza del dollaro. Vola il biglietto verde

La Banca centrale statunitense ha terminato il piano di acquisto asset, residuo da 15 miliardi di dollari al mese.

bg_federal_reserve_769827
Fonte: Bloomberg

Nonostante tutto, crediamo che gli operatori stiano dando maggior peso alla mancanza di un riferimento specifico nel comunicato della Fed alla recente forza del dollaro come potenziale fattore di shock, cosa che il mercato in qualche modo si aspettava.
I forti acquisti sulla divisa statunitense lo confermerebbbero. Il Dollar Index si è spinto sino ai massimi da inizio mese, a 86,55, mentre il cambio Eur/Usd si spinto sino a 1,2550, minimi dal 6 ottobre scorso.
Ora le attenzioni sono rivolte tutte ai dati di metà seduta, quando saranno rilasciate le figure sul Pil Usa del 3° trimestre e i dati preliminari sull'inflazione tedesca di ottobre.
Queste cifre potrebbero aggiungere volatilità al cambio. Dal punto di vista tecnico, il cedimento di 1,2550, potrebbe alimentare discese sino a 1,25, minimi del 3 ottobre. Solo una perforazione di questo target potrebbe aprire la strada verso nuovi minimi da oltre 2 anni, a 1,24.
Un allentamento delle pressioni ribassiste arriverebbe con un riposizionamento sopra 1,26-1,2610, che aprirebbe a un ritorno verso 1,2660.
 

Trova articoli per analista

Trova un articolo

IG presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.