Kiwi sotto pressione dopo vendite RBNZ

Pioggia di vendite sul dollaro neozelandese (kiwi) dopo che la Banca centrale del Paese (Reserve Bank of New Zealand, RBNZ) ha fatto sapere di aver venduto sul mercato più 521 milioni di dollari neozelandesi (circa 404 milioni di dollari Usa).

forex-direct
Fonte: Bloomberg

L'operazione della scorsa settimana è così risultata essere la vendita più massiccia da luglio 2007.
La Banca centrale ha risposto così all’esigenza annunciata la scorsa settimana dal governatore, Graeme Wheeler, che ha definito il livello del kiwi ingiustificato e insostenibile. La RBNZ ha alzato 4 volte i tassi nel corso del 2014, portandoli dal 2,5% al 3,5%.

Il kiwi ha perso terreno verso tutte le valute nella notte. Il cambio Eur/Nzd è schizzato ai massimi da marzo scorso, arrivando in area 1,6450. Ma il deprezzamento è stato più marcato verso il biglietto verde, complice anche il momento di forza che sta accompagnando la valuta a stelle e strisce.

Dal punto di vista tecnico, il cross Nzd/Usd è arrivato nella notte a mettere pressione ai minimi del 2013, in area 0,77. La discesa dai massimi di inizio luglio è stata quasi verticale, con il kiwi che ha perso oltre il 12%, di cui la metà solo nelle ultime 6 sedute. Proprio il recente tonfo ha portato alla perforazione della trend line rialzista che congiunge i minimi del 2010 con quelli del 2013 e della media mobile a 200 settimane. La sensazione è che l’ipervenduto generatosi sia destinato a rientrare un po’ prima che la discesa riprenda.

Un tentativo di rimbalzo potrebbe riportare il cambio in area 0,80 e subito dopo al test della resistenza dinamica dettata dalla trend line sopra citata. Attenzione al cedimento del supporto a 0,77, che potrebbe portare il cambio verso 0,7460, minimi del 2012 e top del 2005.

kiwi1

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Le basi del trading

  • Supporto e resistenza

    Scoprite come gli analisti utilizzano i grafici per studiare il comportamento degli investitori e comprendere i pattern del mercato. Imparate a usare i vari tipi di grafici e a identificare i pattern di prezzo in formazione.

  • Driver dei mercati delle commodities

    Quali componenti essenziali per la produzione di tutti gli altri beni, le commodities (o materie prime) sono di vitale importanza per le moderne economie. Scoprite come queste risorse naturali, volatili eppure inestimabili, si collocano nel più ampio mondo del trading.

  • Leva e margine

    In questa sezione vi presentiamo la nostra piattaforma per il trading online, PureDeal, e vi spieghiamo i vantaggi di operare con i CFD su un vasto numero di mercati. Tratteremo anche gli Stop e i Limiti e il funzionamento del trading con i prodotti a leva.

IG presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.