Ibex target rimane a quota 11.000

Allunga sopra quota 10.000 punti l’indice spagnolo questa mattina, arrivando ai nuovi massimi da luglio 2011. 

Il mercato in questa prima parte dell’anno sembra premiare la periferia dell’eurozona che sta recuperando velocemente il gap che si è creato a partire dall’estate del 2011 nei confronti della Germania. Da inizio anno sia il Ftse Mib che l’Ibex sono in rialzo di circa 2,5 punti percentuali, mentre il Dax ha fatto segnare un -0,95%. Nelle prossime sedute però l’avvicendarsi di eventi importanti (minute Fomc, meeting Bce e BoE e non farm payrolls) dovrebbe favorire un riallineamento delle performance tra le varie piazze azionarie mondiali. Dal punto di vista tecnico, l’indice ha rotto ieri i massimi del 2013 a 10.000 spingendosi sino a 10.200 punti. Il primo obiettivo rimane collocato a 10.550 punti, massimi da oltre due anni e mezzo, il cui superamento aprirebbe ad accelerazioni in direzione dei top del 2011 a quota 11.150 punti. Temporanee fasi di ipercomprato potrebbero portare a una temporanea correzione. Una prima area di pull back è il supporto dinamico dettato dalla trend line che congiunge i minimi del 2013, ora in transito a 9.460 punti, la cui perforazione potrebbe richiedere un test ai minimi di dicembre 9.200 (primo ritracciamento di Fibonacci nell’ascesa dai minimi storici di luglio 2012). In ottica intraday, i forti acquisti delle ultime sedute potrebbero portare a una discesa verso i 10.000 punti (livello psicologico) e poi a 9.940 punti (top di dicembre).

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.