Gbp/Usd, target rimane a 1,7050

Sarà un’altra seduta importante per la sterlina in una settimana densa di appuntamenti interessanti.

Ieri il tasso d’inflazione di gennaio ha mostrato un rallentamento all’1,9% a/a contro le attese di un +2%. Più marcata la variazione del dato core, che si è attestato a +1,6% a/a contro l’1,9% atteso. I dati hanno raffreddato la recente corsa della sterlina dopo una serie di indicazioni positive arrivate dall’economia britannica.

Oggi il focus sarà sui verbali della BoE relativi al meeting di febbraio e sul tasso di disoccupazione. Anche se nell’Inflation Report della scorsa settimana è stato sancito l’abbandono del parametro del tasso di disoccupazione come livello obiettivo per orientare la politica monetaria, quest’ultimo rimane uno dei 18 indicatori indicati dal governatore Carney per decidere sull’eventuale innalzamento dei tassi di interesse. Venerdì poi sarà la volta dei dati sulle vendite al dettaglio di gennaio che dovrebbero mostrare un certo affievolimento dopo l’exploit di dicembre. La recente ascesa del cable è stata favorita anche dai dati deboli che continuano ad arrivare dagli Usa. gli investitori iniziano a pensare a una sospensione del tapering nel meeting di marzo della Federal Reserve.

Dal punto di vista tecnico, i cali delle ultime due sedute del cross GBP/USD rimangono del tutto fisiologici ed eventuali dati deboli sul mercato del lavoro oggi potrebbero portare a un ulteriore cedimento del cross verso area 1,66, secondo dei ritracciamenti di Fibonacci nell’ascesa messa in atto a febbraio. Il supporto strategico di medio periodo si colloca a 1,6250, bottom da inizio anno, al di sotto del quale tutta l’impalcatura rialzista partita l’estate scorsa inizierebbe a vacillare. Per oggi il primo livello di resistenza rimane a 1,6740 (top di ieri) al di sopra del quale si aprirebbe lo spazio per un  test dei massimi di periodo a 1,6820. Il resistenza strategica rimane a 1,7050, picchi del 2009 e minimi assoluti del 2005, oltre la quale si avrebbe un’accelerazione rialzista verso 1,75.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.