Ftse Mib, torna a vedere quota 19.000

Vira in positivo Piazza Affari dopo il rally delle ultime 7 sedute.

La correzione sul listino milanese iniziata due mesi fa, si è arrestata all’indomani della decisione della Federal Reserve di dare inizio al tapering. Nonostante l’avvio della riduzione degli stimoli a partire da gennaio 2014, le parole di Bernanke sul mantenimento dei tassi a livelli eccezionalmente bassi ancora a lungo sembrano aver sollevato il morale degli operatori che sono tornati ad acquistare sul mercato azionario. Il rialzo non è stato accompagnato dai volumi che risentono del clima festivo. Sarà solo dalla prossima settimana che gli scambi si allineeranno con la media del periodo.

Dal punto di vista tecnico, il Ftse Mib, dopo il test al supporto di 17.750 punti (38,2% del ritracciamento di Fibonacci nell’ascesa estiva) è tornato a mettere pressione questa mattina alla soglia dei 19.000 punti. Il superamento di tale livello grafico getterebbe le basi per un ritorno in area 19.500 punti, massimi allineati tra ottobre e novembre. Occorrerà un ritorno dei volumi per permettere lo sfondamento in senso tecnico di questi massimi. Prese di profitto potrebbero condurre prima verso area 18.730 punti e poi a 18.500 punti, dove passa ora la media mobile a 50 giorni.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.