Fiat: delusione per conti e piano industriale

Sessione in forte ribasso, il titolo scende sotto la soglia di 8 euro

Dopo la prima ora di contrattazioni a Piazza Affari la casa automobilistica evidenzia un forte ribasso scendendo al di sotto di 8. A deprimere le quotazioni di Fiat e' stato l'annuncio ieri sera del piano industriale e dei dati societari del primo trimestre che hanno deluso le aspettative degli investitori.
Il gruppo ha chiuso il trimestre con una perdita netta pari a 319 milioni di euro (nel 1T 2013 utile per 39 mln di euro) legata soprattutto all’accordo firmato con il sindacato americano UAW per acquistare il 100% di Chrysler. Fiat ha confermato i target per il 2014: giro d'affari per 93 miliardi di euro, utile netto tra 0,6 e 0,8 miliardi di euro. L’indebitamento netto industriale è stimato tra 9,8 miliardi di euro e 10,3 miliardi di euro. 

Dal punto di vista tecnico i prezzi hanno aperto un ampio gap ribassista scendendo fino a 7,74. Se il titolo dovesse violare al ribasso anche il supporto a 7,60 circa, minimo di metà marzo e 38,2% del ritracciamento di Fibonacci dell'ascesa dai bottom di fine dicembre, il quadro grafico positivo di medio/breve incomincerebbe a vacillare e aumenterebbero notevolmente le possibilità di una estensione della discesa fino a 7,125.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.