Eur/Usd prova ad alzare la testa dopo decisione BCE

La moneta unica si è deprezzata ieri sera in scia al comunicato della Banca centrale europea che ha sospeso l'eligibilità come collaterali dei titoli di Stato ellenici.

bg_ecb_1294577
Fonte: Bloomberg

La decisione è stata presa alla luce delle maggiori incertezze insorte negli ultimi giorni su un buon esito del piano di aiuti deciso con la Troika. Certo è che appare molto strano che una Banca centrale tolga il sostegno a un Paese proprio in un momento di difficoltà. La decisione pertanto ha un carattere, a nostro avviso, puramente politico.


Probabilmente la Banca centrale ha voluto mettere un po' di pressione al Paese, invogliando il neo governo a scendere a compromessi con la Troika. Se la Bce si è spinta a tal punto, probabilmente non teme ripercussioni pesanti sui mercati. Le banche greche a corto di liquidità non potranno più partecipare alle aste di rifinanziamento principale, ma potranno accedere ai fondi di emergenza (ELA), il cui rendimento è dell'1,55% (contro lo 0,05% del REFI rate).


Dopo i rimbalzi degli ultimi giorni, questa mattina gli indici azionari di Atene perdono oltre il 9%, con le banche che cedono oltre 20%. Dal punto di vista tecnico, il cambio Eur/Usd ieri sera è passato da 1,1450 a 1,13 nell'arco di qualche ora. Qui ha trovato un supporto importante sulla trend line ribassista che congiunge i massimi di dicembre con quelli di gennaio. Il cambio ha poi ripreso quota arrivando a lambire 1,14. Solo il superamento di tale riferimento potrebbe aprire a un allungo in direzione di 1,1450 e poi a 1,1535, massimi settimanali. Attenzione deve essere prestata al cedimento della trend line ribassista sopra citata che potrebbe aprire a un ritorno a 1,11.
 

eurodollaro

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.