Eur/Gbp scivola ai minimi da novembre 2007

Il cambio si è spinto questa mattina sotto area 0,70, livello testato a lungo nelle ultime settimane.

bg_mark_carney_1462915
Fonte: Bloomberg

La moneta unica è tornata a perdere terreno verso el principali valute mondiali, in un clima di sostanziale risk on sui mercati. L'approvazione delle riforme da parte del Parlamento greco giunta nella notte ha spazzato via gli ultimi dubbi sull'attivazione del terzo piano di bailout.


I cali hanno interessato soprattutto il cambio EurUsd e EurGbp, complice le aspettative di politica monetaria delle Banche centrali di riferimento. Se la Bce, infatti, intende proseguire il suo piano di acquisti sino a settembre 2016, la Fed e la BoE continuano a preparare il mercato a un rialzo dei tassi di interesse.

Dopo il forte messaggio lanciato dal governatore della Bank of England, Mark Carney, martedì, ieri è toccato alla Yellen pronunciarsi in materia. La numero uno della Fed è apparsa abbastanza determinata a ritoccare i tassi entro il 2015, elemento questo non scontato alla luce delle turbolenze che hanno interessato i mercati la scorsa settimana.


Questa mattina il cambio EurUsd si è portato temporaneamente sotto quota 1,09, minimi da maggio scorso. Più deciso il movimento del cross EurGbp, che dopo il doppio test all'area di 0,70 delle ultime settimane, questa mattina ha rotto tale livello, spingendosi sino a 0,6970, minimi da novembre 2007. Continuiamo a confermare il target dettato a inizio anno, a 0,65 su tale cambio entro il 2015. L'avvicinarsi del rialzo dei tassi in Gran Bretagna potrà accentuare tale movimento.


Eventuali dati deludenti in arrivo dall'altra parte della Manica potrebbero portare a rimbalzi in direzione di 0,72 (picchi di luglio) e 0,73,80 (massimi di giugno). Resistenza molto forte rimane a 0,75, livello toccato all'indomani del risultato elettorale britannico. Da qui gli operatori torneranno ad accumulare posizioni corte sul cross.
 

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Le basi del trading

  • Tipologie di rischio

    Tutti gli investimenti finanziari comportano un certo livello di rischio. Scoprite come proteggere il vostro portafoglio valutando i rischi da affrontare e gestendo con attenzione la vostra esposizione.

  • Stop

    Imparate come aprire e chiudere una posizione, scegliendo tra la semplice contrattazione immediata e le istruzioni impartite automaticamente per negoziare in vostra assenza. Gli ordini possono aiutarvi ad assicurarvi dei profitti o a proteggervi dalle perdite: scopritene i vari tipi e guardate come utilizzarli.

  • Driver dei mercati delle commodities

    Quali componenti essenziali per la produzione di tutti gli altri beni, le commodities (o materie prime) sono di vitale importanza per le moderne economie. Scoprite come queste risorse naturali, volatili eppure inestimabili, si collocano nel più ampio mondo del trading.

IG presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.