Domani meeting BOE, cosa farà Carney?

Riflettori sulla Bank of England che dovrà scegliere quale misure adottare per allentare la propria politica monetaria dopo il referendum UK

bg_mark_carney_1248613
Fonte Bloomberg

Domani il governatore della BoE, Mark Carney, presenterà le decisioni del Comitato Monetario in conclusione del meeting di politica monetaria. Da evento irrilevante è diventato uno dei principali appuntamenti del mese di luglio dopo la scelta della Brexit al referendum UK. I recenti commenti “dovish” di Mark Carney sono stati chiari, il governatore ha infatti annunciato che un allentamento della politica monetaria sarà necessario durante l'estate. Non possiamo essere certi che il Board possa decidere di intervenire immediatamente, ma i mercati stanno scontando con una probabilità del 79% un taglio di 25 punti base dei tassi di interesse.

Considerando che negli ultimi giorni gli esperti di BlackRock hanno previsto uno scenario di base con un taglio di 50 punti base, non vi è alcuna ragione di credere che le scelte di Carney siano così scontate.

 

Quantitative Easing

La Banca d'Inghilterra (BoE) ha tradizionalmente utilizzato due strumenti per allentare la propria politica monetaria; i tassi di interesse e gli acquisti di asset. Il programma di acquisto di asset della BoE ha comprato un totale di 375 miliardi di sterline di attività, contribuendo a sostenere un forte rally del mercato azionario in quanto gli investitori a reddito fisso hanno deciso di spostare i loro investimenti dalle obbligazioni alle azioni a seguito dei rendimenti bassi associati al piano di QE.

Questa forma di allentamento è senza dubbio il Santo Graal per gli investitori, innescando entusiasmo nel momento in cui un piano di QE è annunciato. Detto questo, si tratta in genere di una forma di allentamento che viene salvata per tempi disperati. 

Crediamo, quindi, che il bazooka del QE rischia di essere mantenuto nell'arsenale di Carney.  

 

Taglio o non taglio?

Ci sono ancora discrete possibilità che la BoE possa scegliere di mantenere i tassi ai livelli correnti, rimandando ogni decisione al meeting di agosto quando sarà pubblicato anche un importante inflation report che potrebbe dare ulteriori informazioni ai banchieri centrali sullo stato di salute dell’economia del Regno Unito. Dovesse realizzarsi tale scenario (No Cut) dovremmo assistere a un apprezzamento della sterlina e a un calo degli indici azionari (FTSE100).

Lo scenario più probabile è comunque quello di un taglio del costo del denaro nel Regno Unito di 25 punti base dallo 0,50% allo 0,25%. Il mercato ha già scontato quasi completamente tale decisione che potrebbe quindi avere un impatto non particolarmente forte sui mercati.

 

Stime IG

Riteniamo che lo scenario più probabile sia quello di un taglio dei tassi di 25 punti base e di un nulla di fatto sul piano di QE. Crediamo che Carney abbia intenzione di avere ancora nella propria cassetta degli attrezzi ulteriori strumenti per allentare la politica monetaria in caso la situazione in UK dovesse peggiorare.

 

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.