Dax attende Eurogruppo al ridosso degli 11 mila punti

Potrebbe essere la volta buona. Questa mattina l’indice tedesco rimane al ridosso degli 11 mila punti e potrebbe sfruttare ogni eventuale news positiva in arrivo sulla Grecia per cercare di sfondare questa resistenza.

bg_german_stock_exchange_1369831
Fonte: Bloomberg

Al di là delle stime flash sugli indici PMI, che sono risultate nel complesso migliori delle attese, gli investitori rimangono in attesa degli sviluppi che arriveranno dall’Eurogruppo di questo pomeriggio, chiamato a valutare la proposta di Atene sull’estensione del piano di aiuti. Probabilmente non avremo notizie prima della chiusura delle borse, pertanto ogni eventuale notizia avrà ripercussioni sui listini europei lunedì mattina.

 

Dal punto di vista tecnico, l’indice Dax ha testato ben due volte gli 11 mila punti nelle ultime 5 sedute, fallendo in entrambi i casi lo sfondamento. La resistenza qui è molto forte e gli operatori potrebbero aver bisogno di un forte market mover per permettere di superare con slancio questo livello. Un accordo in Grecia potrebbe essere tra questi. Il superamento di questa resistenza potrebbe permettere all’indice di avanzare verso territori inesplorati. I primi target si collocano a 11.350 punti, ovvero la proiezione dell’ampiezza del canale laterale delle ultime settimane sopra il punto di break out. Il target successivo si troverebbe a 11.500 punti. Una debolezza temporanea potrebbe riportare le quotazioni verso il test alla trend line rialzista che congiunge i minimi delle ultime due settimane, ora in transito a 10.860 punti. Al di sotto di questo supporto, le vendite potrebbero dare spazio per un pull back di più largo respiro, con primo obiettivo a 10.750. L’area più interessante rimane, però, a 10.600-10.550 punti. Solo la violazione di questo target potrebbe peggiorare sensibilmente il quadro di medio periodo con la discesa che potrebbe arrivare sino a 10.150 mila punti.

dax

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.