Dax, turbolenze ancora in corso

L'indice tedesco anche questa mattina ha fallito il rimbalzo.

bg_trader_1550403
Fonte: Bloomberg

Proseguono in calo gli indici europei, che questa mattina sembrano dare seguito alla debolezza emersa sul finale di seduta di ieri. Nonostante l’apertura in territorio positivo, i mercati hanno virato quasi subito in negativo. Questa mattina abbiamo rivissuto un po’ quello che è successo nella seduta di ieri, quando gli indici, dopo una seduta trascorsa in deciso rialzo, hanno terminato in calo e sui minimi di giornata.

Questi repentini cambiamenti di fronte sono un segnale di quanto sia fragile il sentiment in questo momento. Gli investitori fanno fatica a trovare market mover in grado di dare spazio a un recupero e si lasciano andare alle vendite. Occorre aggiungere anche che i volumi bassi legati al periodo natalizio fanno poi il resto. Pochi scambi sono in grado di muovere il mercato anche di molto.

Sul fronte macro, oggi sono in agenda i dati finali sul Pil statunitense del 3° trimestre, un elemento questo che non dovrebbe scuotere particolarmente gli investitori, visto che può essere considerato “vecchio”. Più importanti saranno le figure di domani sugli ordini di beni durevoli di novembre. Tra l’altro domani l’agenda macro risulterà particolarmente affollata data la chiusura per il lungo ponte natalizio.

Tornando sui mercati europei, il Dax continua ad essere più colpito da queste turbolenze. Questa mattina l’indice tedesco ha tentato invano il ritorno sopra area 10.600 punti, salvo poi virare bruscamente e scendere sino a 10.400 punti.

La prima area di supporto rimane collocata proprio tra 10.400-10.370 punti, 50% del ritracciamento di Fibonacci nel rally di fine settembre culminato con i massimi di inizio dicembre. Una rottura di questo supporto aprirebbe a un ritorno verso i 10.120 punti, ultimo dei ritracciamenti sopra citati su cui l’indice ha trovato supporto già la scorsa ottava. È necessario che questo livello tenga per evitare una pericolosa accelerazione verso i 9.300 punti, minimi estivi.

Al rialzo, i primi obiettivi passano per 10.630 punti, dove coincidono due livelli di Fibonacci, ovvero il 38,2% di quello suddetto e il 38,2% di quello che parte dai massimi di dicembre e culminato con i minimi della scorsa settimana (in blu). Il superamento di tale riferimento allontanerebbe momentaneamente i pericoli di nuove discese. La resistenza successiva si colloca a 10.800 punti e poi a 10.930, dove ancora una volta si accavallano due livelli di Fibonacci sopra citati.

Solo una perentoria vittoria di questa resistenza potrebbe aprire la strada a un ritorno sui 10.400 punti, massimi di inizio mese. 

Germany30Cash

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Le basi del trading

  • Introduzione alla leva finanziaria

    Imparate come utilizzare la leva finanziaria per ottenere una maggiore esposizione sul mercato a fronte di un esborso iniziale relativamente contenuto. Spiegheremo quanto sia importante utilizzarla con cautela, poiché se da una parte può amplificare i vostri profitti dall'altra può comportare un incremento del vostro rischio di perdita.

  • Che cos'è un ETP?

    Scoprite come gli ETP (Exchange Traded Products, ossia prodotti a indice quotati) riuniscono le migliori qualità di diversi veicoli d'investimento. Studiate i vari tipi di ETP e la vasta gamma di mercati sui quali potete negoziare.

  • Partecipanti del mercato

    La vendita allo scoperto consente ai trader di ottenere un profitto in un mercato ribassista o di proteggere gli investimenti esistenti. Scoprite come e perché la vendita allo scoperto può diventare il componente chiave di una strategia di trading equilibrata.

IG presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.