Dax, governo non scalda il listino

È stata annunciata ieri la formazione di governo che guiderà la Germania nei prossimi 4 anni.

La vera sorpresa è arrivata dalla nomina a sottosegretario al Lavoro di Joerg Asmussen, membro del consiglio direttivo della Bce. Si tratta di una decisione che avrà ripercussioni rilevanti anche nella Bce dato che si cerca un sostituto che possa ricoprire ora quella carica. La formazione del governo tedesco avrà uno scarso impatto sul mercato dato che gli investitori di tutto il mondo sono in attesa della decisione del Fomc di mercoledì sera. Le tensioni alimenteranno i mercati nelle prossime ore sino alla decisione di mercoledì sera. Dal punto di vista grafico, l’indice tedesco sta oscillando ora sui 9.000 punti, dopo esser andato a testare la parte alta del corridoio rialzista, a quota 9.400 punti, a fine novembre. I cali potrebbero non essere finiti qui. Il supporto da monitorare rimane a 8.950 punti, al di sotto del quale la discesa potrebbe proseguire sino a 8.760 punti, top di settembre. Si tratta dell’ultimo baluardo prima che si torni a mettere pressione alla trend line rialzista in atto da un anno e mezzo, ora in transito poco sotto quota 8.500 punti. In questo momento risalite sino a 9.230 punti (top da inizio mese) rimangono compatibili con la fase discendente in atto. Solo sopra questo livello, le pressioni ribassiste si ridurrebbero e l’indice tornerebbe a mettere nel mirino i massimi storici.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.