Cina mette le ali ai listini asiatici, Hang Seng ai massimi da fine 2010

La Cina torna a correre e i listini asiatici ne approfittano. 

bg_hong_kong_retail_1315369
Fonte: Bloomberg

Le buone figure sul Pil del 2° trimestre dell’anno (+7,5% a/a contro le attese di +7,4%) e i dati positivi sui profitti delle aziende a giugno (+17,9% a/a contro il +8,9% di maggio) sembrano aver riportato l'ottimismo tra gli operatori. L’accelerazione dell’economia cinese, frutto dei recenti stimoli governativi alle infrastrutture, ha indotto molti investitori a credere che questa accelerazione possa fare da traino ai paesi limitrofi, visti anche i forti legami commerciali che esistono tra questi.

Anche l’Hang Seng di Hong Kong ne ha approfittato, arrivando questa mattina a toccare i massimi da oltre tre anni e mezzo, superando quota 24.500 punti. L’indice ora sembra in grado di tornare a mettere pressione ai massimi di novembre 2010, quando toccò i 25.000 punti.

Solo una perentoria vittoria di questo target potrebbe permettere un allungo verso i massimi del 2008 a 26.850 punti. Possibili pull back potrebbero riportare le quotazioni sino in area 24.000 punti, livello che ha ostacolato la risalita dell’indice per ben due volte nel corso del 2013. Solo un ritorno sotto questo supporto potrebbe riaprire a una fase di accumulazione in grado di riportare l'indice verso i 23 mila punti.

Hong Kong

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.