Cœuré infiamma il mercato, Dax ai massimi da 3 settimane

Il vice presidente della Bce ha spiazzato gli operatori dichiarando che il QE sarà accelerato prima dell'estate.

DAX
Fonte: Bloomberg

Il numero due dell'Istituto di Francoforte ha fatto sapere che gli acquisti saranno accelerati tra maggio e giugno per evitare difficoltà nel reperire i titoli durante l'estate, quando la liquidità sul mercato bond si abbassa vertiginosamente per effetti stagionali.


La notizia è tornata a penalizzare l'euro, ora in forte calo verso le principali valute mondiali.
Sebbene il valore complessivo degli acquisti rimanga invariato, il mercato sembra apprezzare la maggior liquidità che arriverà in un così ristretto lasso di tempo. Non solo. La decisione sembra spazzare via i recenti timori affiorati sul completamento del piano di QE, la cui fine è prevista ora per settembre 2016. Il recente rialzo del petrolio, infatti, ha spinto gli operatori a rivedere le aspettative inflattive di medio lungo periodo al rialzo, elemento questo che ha messo dubbi all'azione espansiva delle Banche centrali.


Dal punto di vista tecnico, l'indice Dax è tornato ai massimi dal 29 aprile scorso, a 11.820 punti, superando la resistenza collocata a 11.740 punti. Il primo obiettivo passa per 12.050-12.080. Solo un superamento di questo livello potrebbe riportare verso i massimi storici a 12.400 punti. Due possibili aree di pull back passano per 11.740 e 11.630. Solo una discesa sotto 11.630 potrebbe riaprire all'incertezza riportare le quotazioni verso il supporto strategico di breve periodo collocato in area 11.400-11.380.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.