Borsa e lira turca preferiscono Erdogan

Il mercato reagisce bene dopo il risultato elettorale che ha visto il trionfo del partito di Erdogan, l'AKP.

TRY Lira turca
Fonte: Bloomberg

Torna ad avere la maggioranza assoluta in Parlamento il partito AKP, dopo il risultato deludente delle elezioni di giugno. Il partito di Erdogan si porta a casa 316 seggi su 500, ben oltre la soglia necessaria per la maggioranza assoluta (a 276). Da record anche l'affluenza alle urne, che ha superato quota 87%.

La maggioranza assoluta in Parlamento (persa dopo 13 anni a giugno scorso) soddisfa a metà il presidente Erdogan, che non è riuscito a raggiungere i 330 seggi necessari per poter richiedere un referendum per cambiare la Costituzione.

Perde consensi il partito filo-curdo HDP, che è riuscito comunque a rimanere sopra la soglia di sbarramento del 10%, ottenendo 59 seggi in Parlamento.

L'impressione è che l'instabilità politica e le tensioni sociali che si sono verificati negli ultimi mesi sembrano aver favorito lo stesso partito di Erdogan, che più volte ha invocato nelle ultime settimane la necessità di tornare a un clima di stabilità interna. Probabilmente anche l'azione di reprssione nei confronti dello stato islamico lungo i confini con la Siria potrebbe aver contribuito al successo di AKP, dato che molti tuchi sento l'incombenza dell'ISIS come una minaccia reale per il Paese.

Dopo le prime proiezioni, però, sono scoppiati subito gli scontri nelle piazze a sud est del Paese a maggioranza curda, che hanno recriminato la mancanza di una campagna elettorale alla pari nei confronti degli altri partiti dopo la chiusura di alcune testate giornalistiche e di canali tv.

Chi ha apprezzato i risultati sono stati gli operatori del mercato, che sono tornati ad acquistare asset denominati in lira turca. Il principale indice azionario del Paese, il BIST 100, avanza di oltre 5,5 punti percentuali.

Forte apprezzamento anche per la lira turca, che ha registrato il maggior balzo dal 2008 verso il biglietto verde. Il cambio Usd/Try è passato, infatti, da 2,9150 della chiusura di venerdì a 2,758 nella notte, aggiornando così i minimi da fine luglio. Proprio il violento movimento ribassista del cambio ha dato occasione per un rimbalzo che l'ha portato ora a stabilizzarsi intorno a 2,80.

Nonostante la recuperata stabilità politica, crediamo che l'apprezzamento della lira turca potrebbe essere stemperato dalle aspettative di un rialzo dei tassi della Fed entro la fine del 2015 e da un costante rallentamento dei Paesi Emergenti. Difatti, il frote calo della lira turca degli ultimi mesi, non è solo riconducibile alla precaria situazione politica interna, ma anche, e soprattutto, alle incertezze che hanno interessato i mercati finanziari globali.

Probabilmente l'area di 2,75 -2,77 potrebbe costituire un target interessante sino a fine anno. Da qui infatti passa ora sia la media mobile a 200 giorni, mai perforata da luglio 2014, sia la trend line che congiunge i massimi di settembre 2014 con i minimi di maggio e luglio scorso. Solo nel caso di una rottura di questo supporto importante potremmo assistere a un recupero accelerato della divisa turca che la proietterebbe verso 2,56.

Eventuali rimbalzi potrebbero riportare il cambio verso 2,85, massimi della notte. Il cross potrebbe tentare anche la chiusura del gap down lasciato aperto nel week end prima di tornare a scendere. Difficile al momento prevedere un allungo sopra area 2,92, visto il clima più disteso presente sui mercati nelle ultime settimane.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Le basi del trading

  • Modalità di trading

    Quali componenti essenziali per la produzione di tutti gli altri beni, le commodities (o materie prime) sono di vitale importanza per le moderne economie. Scoprite come queste risorse naturali, volatili eppure inestimabili, si collocano nel più ampio mondo del trading.

  • Introduzione

    Scoprite come gli analisti utilizzano i grafici per studiare il comportamento degli investitori e comprendere i pattern del mercato. Imparate a usare i vari tipi di grafici e a identificare i pattern di prezzo in formazione.

  • La nostra piattaforma

    In questa sezione vi presentiamo la nostra piattaforma per il trading online, PureDeal, e vi spieghiamo i vantaggi di operare con I CFD su un vasto numero di mercati. Tratteremo anche gli Stop e i Limiti e il funzionamento del trading con i prodotti a leva.

IG presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.