BoJ non scuote lo yen. Gbp/Jpy torna all'attacco di 180

Nel meeting di questa notte la Banca centrale giapponese (Bank of Japan) ha lasciato invariato il livello degli acquisti di asset a 80 miliardi di dollari al mese. 

bg_japanese_retail_1412270
Fonte: Bloomberg

Nella conferenza stampa successiva all'annuncio, il presidente della BoJ, Haruhiko Kuroda, ha fatto sapere che alcune fasi di debolezza persistono, specialmente in alcune aree. Nonostante tutto, il sentiment dei consumatori rimane positivo.
La BoJ non esclude che l'inflazione torni in negativo, soprattutto se i prezzi del petrolio dovessero tornare a scendere. Nonostante tutto, al momento, non sono previste ulteriori misure espansive.
Lo yen non ha risentito particolarmente delle parole di Kuroda, probabilmente a causa della vicinanza del meeting della Fed, che inizierà questo pomeriggio e si concluderà domani sera.
Dal punto di vista tecnico, il cambio Gbp/Jpy sta tornando indietro dopo il tentativo di rimbalzo di inizio settimana. La resistenza oggi rimane a 180,20 top della notte e minimi di giovedì.
Solo un superamento di questo target potrebbe portare a un allungo verso 181,60, supporto che ha sostenuto le quotazioni tra metà febbraio e inizio marzo. Solo una rottura di questa resistenza potrebbe creare occasione di un allungo verso i massimi di fine febbraio, a 185. Per oggi il primo supporto rimane invece a 179,15, il cui cedimento potrebbe determinare un affondo verso 178,20, minimi della scorsa settimana.
Il supporto principale rimane quello dettato dalla trend line rialzista che congiunge i minimi delle ultime 3 anni. Solo un cedimento di questo target potrebbe aprire a un affondo verso i minimi di inizio anno a 175,50-175.
 

Trova articoli per analista

Trova un articolo

IG presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.