Aussie sotto pressione, RBA si accoda alle altre Banche centrali

E alla fine anche la Reserve Bank of Australia (RBA) si è accodata alle altre Banche centrali, tagliando i tassi di riferimento nella notte.

bg_rba_1408577
Fonte: Bloomberg

I tassi sono stati abbassati al 2,25% (-25 pb). Tra le motivazioni che hanno indotto la RBA ad agire, il governatore, Glenn Stevens, ha citato:

  1. un aussie che rimane ancora troppo sopravvalutato, soprattutto alla luce delle manovre delle altre Banche centrali;
  2. il basso prezzo delle commodity, soprattutto quello del minerale di ferro, che pesa molto sull’export del Paese;
  3. un tasso di disoccupazione che rimane ancora molto alto.

L’unico rischio rimane il mercato immobiliare, i cui prezzi continuano a crescere e fanno salire i timori di una bolla, soprattutto in un contesto di tassi bassi. Le scarse prospettive del settore minerario hanno spinto gli operatori a investire nel settore immobiliare, con la pratica diffusa del buy-to-rent, ovvero comprare per dare in affitto. Questo fenomeno è esploso soprattutto negli ultimi mesi, dopo che i prezzi del petrolio hanno iniziato il loro veloce declino.

Dopo le decisioni della notte, il dollaro australiano si è deprezzato velocemente verso quasi tutte le valute mondiali, segnale che la decisione non era proprio attesa. A questo punto, si va anche verso un ulteriore taglio dei tassi di interesse probabilmente in primavera.

Dal punto di vista grafico, il cambio Aud/Usd è precipitato ai nuovi minimi da maggio 2009, a 0,7626. Il cross rimane in rotta per tornare verso i minimi del 2008, a 0,60, entro l’anno. Un target intermedio passa per 0,70, che potrebbe essere raggiunto entro marzo. Eventuali rimbalzi potrebbero alimentare risalite verso 0,80-0,8030. Il livello successivo rimane a 0,83, top da inizio anno. Difficile che si vada oltre. A questi livelli molti operatori inizieranno a shortare nuovamente il cross visto l'atteggiamento accomodante della RBA.

L’aussie ha perso terreno anche verso l’euro, con il cambio Eur/Aud che è balzato a 1,4860, sui massimi da inizio anno. Il superamento di questo livello aprirebbe a un ritorno prima verso 1,50 e poi a 1,53 (top di dicembre). Viste le prospettive espansive della BCE, è probabile che l’euro possa riprendere a deprezzarsi rispetto all’aussie. Questo dovrebbe riportare il cross verso 1,45-1,4480. Solo un cedimento di questo target alimenterebbe nuovi cali verso 1,40-1,3970, minimi da inizio anno.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Le basi del trading

  • Leva e rischio

    Imparate come utilizzare la leva finanziaria per ottenere una maggiore esposizione sul mercato a fronte di un esborso iniziale relativamente contenuto. Spiegheremo quanto sia importante utilizzarla con cautela, poiché se da una parte può amplificare i vostri profitti dall'altra può comportare un incremento del vostro rischio di perdita.

  • Trend

    Scoprite come gli analisti utilizzano i grafici per studiare il comportamento degli investitori e comprendere i pattern del mercato. Imparate a usare i vari tipi di grafici e a identificare i pattern di prezzo in formazione.

  • Spiegazione sulle commodities

    Quali componenti essenziali per la produzione di tutti gli altri beni, le commodities (o materie prime) sono di vitale importanza per le moderne economie. Scoprite come queste risorse naturali, volatili eppure inestimabili, si collocano nel più ampio mondo del trading.

IG presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.