Aud/Usd: i buoni dati cinesi non rafforzano il dollaro australiano

Il cambio tra il dollaro australiano e il dollaro statunitense non riesce a mostrare forza neppure dopo la pubblicazione di brillanti cifre macroeconomiche dalla Cina

bg_australian_dollar_1041805
Fonte: Bloomberg

Nel paese asiatico è stato comunicato che il PIL del secondo trimestre (+7,5% a/a) e la produzione industriale (+9,2% a/a) hanno battuto le attese del mercato (consensus PIL 2T +7,4% a/a, produzione +9,0% a/a).

Il dollaro USA riesce a mantenere una forza relativa maggiore rispetto al dollaro aussie grazie soprattutto alla testimonianza di ieri sera del governatore del Federal Reserve System, Janet Yellen, al Congresso. Dinnanzi alla Commissione Bancaria del Senato il numero uno della FED ha usato toni molto meno "dovish" del solito, anticipando il possibile rialzo del costo del denaro se le cifre macro negli Stati Uniti dovessero continuare a evidenziare un buon stato di salute.

Dal punto di vista grafico si è delineato negli ultimi 2 mesi un potenziale testa e spalle ribassista, figura d'inversione nell'analisi tecnica. In caso di cedimento della neckline situata a 0,933 si creerebbero i presupposti per una estensione della flessione in direzione degli ambiziosi target posizionati a 0,9210 (bottom di maggio) e 0,9150 (proiezione dell'ampiezza della figura menzionata in precedenza). Timidi segnali di ripresa sopra 0,94, preludio a un possibile allungo verso 0,9450 e 0,95.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.