Aussie sotto pressione, RBA si accoda alle altre Banche centrali

E alla fine anche la Reserve Bank of Australia (RBA) si è accodata alle altre Banche centrali, tagliando i tassi di riferimento nella notte.

bg_rba_1408577
Fonte: Bloomberg

I tassi sono stati abbassati al 2,25% (-25 pb). Tra le motivazioni che hanno indotto la RBA ad agire, il governatore, Glenn Stevens, ha citato:

  1. un aussie che rimane ancora troppo sopravvalutato, soprattutto alla luce delle manovre delle altre Banche centrali;
  2. il basso prezzo delle commodity, soprattutto quello del minerale di ferro, che pesa molto sull’export del Paese;
  3. un tasso di disoccupazione che rimane ancora molto alto.

L’unico rischio rimane il mercato immobiliare, i cui prezzi continuano a crescere e fanno salire i timori di una bolla, soprattutto in un contesto di tassi bassi. Le scarse prospettive del settore minerario hanno spinto gli operatori a investire nel settore immobiliare, con la pratica diffusa del buy-to-rent, ovvero comprare per dare in affitto. Questo fenomeno è esploso soprattutto negli ultimi mesi, dopo che i prezzi del petrolio hanno iniziato il loro veloce declino.

Dopo le decisioni della notte, il dollaro australiano si è deprezzato velocemente verso quasi tutte le valute mondiali, segnale che la decisione non era proprio attesa. A questo punto, si va anche verso un ulteriore taglio dei tassi di interesse probabilmente in primavera.

Dal punto di vista grafico, il cambio Aud/Usd è precipitato ai nuovi minimi da maggio 2009, a 0,7626. Il cross rimane in rotta per tornare verso i minimi del 2008, a 0,60, entro l’anno. Un target intermedio passa per 0,70, che potrebbe essere raggiunto entro marzo. Eventuali rimbalzi potrebbero alimentare risalite verso 0,80-0,8030. Il livello successivo rimane a 0,83, top da inizio anno. Difficile che si vada oltre. A questi livelli molti operatori inizieranno a shortare nuovamente il cross visto l'atteggiamento accomodante della RBA.

L’aussie ha perso terreno anche verso l’euro, con il cambio Eur/Aud che è balzato a 1,4860, sui massimi da inizio anno. Il superamento di questo livello aprirebbe a un ritorno prima verso 1,50 e poi a 1,53 (top di dicembre). Viste le prospettive espansive della BCE, è probabile che l’euro possa riprendere a deprezzarsi rispetto all’aussie. Questo dovrebbe riportare il cross verso 1,45-1,4480. Solo un cedimento di questo target alimenterebbe nuovi cali verso 1,40-1,3970, minimi da inizio anno.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Le basi del trading

  • Fare trading con le azioni

    Senza azioni non esisterebbe alcun mercato azionario, l'elemento vitale per qualsiasi economia nazionale. Scoprite come la negoziazione di titoli consente alle società di espandersi e svilupparsi, rappresentando allo stesso tempo un'importante fonte di guadagno per gli investitori privati e i grandi capitali.

  • Fare trading sul Forex

    Scoprite come funziona il mercato finanziario più grande e più liquido del mondo. Spiegheremo come avviene la negoziazione delle valute estere e vi forniremo le nozioni indispensabili per accedere a questo importante mercato.

  • Limiti

    Imparate come aprire e chiudere una posizione, scegliendo tra la semplice contrattazione immediata e le istruzioni impartite automaticamente per negoziare in vostra assenza. Gli ordini possono aiutarvi ad assicurarvi dei profitti o a proteggervi dalle perdite: scopritene i vari tipi e guardate come utilizzarli.

IG presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.