Week Ahead: 30 marzo - 3 aprile, attesa per i Non-farm Payrolls negli Usa, ormai primi per numero contagi

Agenda dei principali eventi economici della settimana

A un mese dall’esplosione del focolaio di Covid-19 in Europa, la conta dei danni è già iniziata. Al di là dell’emergenza sanitaria, con l’Italia seconda per numero di contagi (superata solo dagli Stati Unici, con oltre 82 mila casi) ma prima per decessi (8.165, dato aggiornato a venerdì 27), continuano ad affastellarsi i numeri dell’impatto economico del virus sull’economia - quella nazionale, ma anche quella globale.

A partire già da lunedì saranno pubblicati i dati sull’inflazione dei paesi dell’Unione Europea, oltre agli indici Pmi definitivi, incluso l’indice composito cinese e alla produzione industriale del Giappone di marzo.

Resta alta l’attenzione per il dato sui Non-farm payrolls statunitensi, che usciranno venerdì. Da quando il Covid-19 ha iniziato a diffondersi anche negli Usa – e da quanto il presidente Donald Trump ha effettivamente dovuto fronteggiare la situazione con serie misure di lockdown – i dati sulla situazione occupazionale in Usa sono stati impietosi: giovedì scorso, le domande per i sussidi di disoccupazione hanno raggiunto la cifra record di oltre tre milioni.

Lunedì 30 marzo:

Prezzi delle abitazioni di marzo, Usa;

Indicatore del sentiment economico, Unione Europea;

Inflazione di marzo, Germania;

Vendite nel mercato immobiliare di marzo, Usa.

Martedì 31 marzo:

Fiducia dei consumatori di marzo, Regno Unito;

Tasso di disoccupazione di marzo, Giappone;

Produzione industriale, Giappone;

Vendite immobiliari, Australia;

Indice Pmi non manifatturiero, Cina;

Pil 4° trimestre, Regno Unito;

Disoccupazione di marzo, Germania;

Inflazione di marzo, Unione Europea;

Fiducia dei consumatori di marzo, Usa.

Mercoledì 1 aprile:

Indice Pmi manifatturiero di marzo, Cina;

Vendite al dettaglio di febbraio, Germania;

Indici Pmi manifatturieri Markit di marzo, Eurozona e Regno Unito;

Richieste di mutui, Usa;

Cambiamento degli impieghi, Usa;

Pmi manifatturiero, Usa.

Giovedì 2 aprile:

Inflazione di marzo, Svizzera;

Bilancia commerciale, Usa;

Richieste di disoccupazione iniziali, Usa.

Venerdì 3 aprile:

Prezzi al dettaglio di febbraio, Australia;

Indice Pmi dei servizi, Cina;

Indici Pmi compositi e servizi Markit di marzo, Eurozona, Regno Unito;

Vendite al dettaglio di febbraio, Unione Europea;

Stipendio medio orario, Usa;

Non farm payrolls, Usa;

Disoccupazione di marzo, Usa;

Occupazione nel settore non-manifatturiero, Usa;

Indice Pmi non manifatturiero ISM, Usa.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Volatilità sui mercati

Fai trading con IG su oltre 17.000.

  • Spread competitivi: spread da 0,4 punti sugli indici, da 0,6 sul forex e da 0,3 su materie prime
  • Stop garantiti: imposta un livello a cui chiudere la posizione per tutelarti da eventuali gap di mercato e slippage
  • Turbo24: scegli la tua leva e il rischio con un prodotto quotato, liquido e trasparente, disponibile H24

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 76% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.