Week ahead: 1-5 giugno, la settimana dei Non-farm Payrolls negli Usa e della Bce

Agenda dei principali eventi economici della settimana

Mentre sui mercati resta alta l’allerta per le tensioni geopolitiche tra Stati Uniti e Cina, cui le proteste di Hong Kong hanno dato nuova linfa, la prima settimana di giugno porta con sé i principali punti di riferimento per tenere il segno dell’impatto della pandemia di Covid-19 sull’economia mondiale.

Venerdì infatti torna l’appuntamento con i Non-farm Payrolls, le buste paga nel settore non agricolo statunitense, e relativo tasso di disoccupazione. Gli analisti si aspettano un balzo fino al 20%, cifra record dal secondo dopoguerra, dopo che i dati settimanali sulle richieste di sussidi di disoccupazione hanno portato il numero di cittadini statunitensi senza lavoro dall’inizio della crisi economico-sanitaria a oltre 40 milioni.

Gli operatori guardano inoltre al 4 giugno, quando si riunirà il comitato esecutivo della Banca centrale europea, cui seguirà la conferenza stampa in cui l’istituto guidato da Christine Lagarde renderà note le decisioni sui tassi di interesse e sulla politica monetaria da seguire in relazione alla ripresa economica dell’Eurozona nel post-lockdown.

Tra mercoledì e giovedì, intanto, saranno resi noti dall’istituto Ihs Markit i dati prospettici sugli indici dei direttori agli acquisti nel settore manifatturiero e dei servizi in Europa e negli Stati Uniti. Le stime flash, rilasciate la settimana scorsa, lasciano intuire l’inizio della risalita almeno per l’economia dell’Eurozona, per quanto i valori siano ancora ben lontani dalla soglia dei 50 punti oltre la quale si può parlare di espansione eocnomica.

Lunedì 1 giugno:

Dati PMI del settore manifatturiero Caixin di maggio, Cina;

Dati PMI del settore manifatturiero di maggio, Italia, Francia, Germania, Regno Unito, Unione Europea, Stati Uniti (Markit e ISM).

Martedì 2 giugno:

Decisione su politica monetaria, Australia;

Indice dei prezzi delle case di maggio, Regno Unito;

Scorte di petrolio API, Stati Uniti.

Mercoledì 3 giugno:

Pil primo trimestre, Australia, Svizzera;

Dati PMI del settore servizi e composito di maggio, Spagna, Italia, Francia, Germania, Unione Europea, Regno Unito, Stati Uniti;

Disoccupazione di maggio, Germania, Unione Europea;

Variazione dell’occupazione non agricola, Stati Uniti;

Scorte di petrolio greggio EIA, Stati Uniti.

Giovedì 4 giugno:

Vendite al dettaglio di aprile, Australia;

Saldo della bilancia commerciale di aprile, Australia, Stati Uniti;

Dati PMI settore costruzioni, Regno Unito;

Vendite al dettaglio di aprile, Unione Europea;

Dichiarazione politica monetaria BCE, Unione Europea;

Richieste dei sussidi di disoccupazione, Stati Uniti.

Venerdì 5 giugno:

Ordini alle fabbriche di aprile, Germania;

Indice Halifax dei prezzi delle case di maggio, Regno Unito;

Vendite al dettaglio di aprile, Italia;

Non-farm payrolls, Stati Uniti;

Tasso di disoccupazione di maggio, Stati Uniti;

Variazione nel livello occupazionale di maggio, Canada.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Volatilità sui mercati

Fai trading con IG su oltre 17.000.

  • Spread competitivi: spread da 0,4 punti sugli indici, da 0,6 sul forex e da 0,3 su materie prime
  • Stop garantiti: imposta un livello a cui chiudere la posizione per tutelarti da eventuali gap di mercato e slippage
  • Turbo24: scegli la tua leva e il rischio con un prodotto quotato, liquido e trasparente, disponibile H24

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 76% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.