Trump: richiesto l’impeachment, pressioni su governo Ucraina

Il presidente Usa avrebbe spinto il governo di Kiev ad avviare un’indagine contro il figlio dell’avversario Joe Biden, che corre per i democratici alla presidenza. Crollano le borse, indici in calo in Europa e Asia

Nancy pelosi, speaker della Camera, ha annunciato ieri la richiesta di impeachment nei confronti del presidente degli Stati Uniti Donald Trump. La decisione segue le indiscrezioni riguardo a una telefonata fra Trump e il leader ucraino Volodymyr Zelensky, avvenuta lo scorso 25 luglio. Durante tale colloquio, il presidente Usa avrebbe fatto pressioni sul governo di Kiev, al fine di avviare un’indagine per corruzione su una compagnia di estrazione di gas del cui board fa parte il figlio dell’ex vicepresidente degli Stati Uniti Joe Biden, Hunter. Biden è il candidato democratico in corsa per le prossime elezioni presidenziali, in programma per novembre 2020. La notizia ha già provocato effetti sui mercati, con un calo generale degli indici in Usa, Europa e Asia.

Quali saranno le conseguenze politiche?

D’altra parte, l’impeachment non è mai stato tra le opzioni preferite della presidente della Camera. I democratici avevano già provato ad agire in questo senso, in occasione del Russiagate e dell’inchiesta condotta dal super procuratore Muller, ma non si era mai arrivati fino in fondo. Ora, in vista della partenza della campagna presidenziale per le elezioni del prossimo anno, la notizia potrebbe scatenare effetti rilevanti.

L’avviamento di una procedura formale, nei timori di Pelosi, danneggerebbe la posizione dell’ala moderata dei democratici, fornendo allo stesso tempo terreno fertile per una rimonta di Trump. La strategia dello scontro è infatti quella in cui si è sempre dimostrato vincente. A pochi minuti dall’annuncio di Pelosi, in effetti il presidente ha già parlato di “caccia alle streghe”, in una raffica di tweet infuocati.

Per Pelosi, Trump è venuto meno al suo giuramento e ha violato la legge. “Il presidente deve essere ritenuto responsabile. Nessuno è al di sopra della legge”. Anche il capro espiatorio della questione, Joe Biden, si è schierato a favore dell’impeachment.

Come funziona

La messa in stato di accusa del presidente dovrà ora essere approvata dai deputati di Camera e Senato. Pelosi ha annunciato la decisione ieri alla Camera, dove può contare su una maggioranza democratica; è probabile tuttavia che le difficoltà si incontreranno in Senato, a maggioranza repubblicana, che potrà dunque pesare sul voto finale. Un comitato interno è già al lavoro per analizzare la telefonata in questione e stabilire se vi sono le basi per procedere. Qualora fosse confermato, un sondaggio condotto da YouGov segnala che il 55% degli americani sarebbe a favore dell’impeachment.

Le ricadute sui mercati

La notizia ha già scosso le borse mondiali: l’S&P 500 ha chiuso ieri in ribasso di 0,84% e le borse asiatiche scontano l’incertezza (-0,36% il Nikkei e -0,7% per lo Shanghai Composite). In Europa, Piazza Affari cede l’1,7%, Parigi perde l’1,5%, Francoforte l’1% e Londra lo 0,9%. Dollaro debole rispetto alle maggiori valute: il cambio EUR/USD torna su 1,10 dopo un allungo verso 1,105.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Scopri le opportunità di trading

Con IG vai long o short su oltre 17.000 mercati.

Scegli la nostra piattaforma pluripremiata per fare trading con spread ridotti su indici, azioni, materie prime e molto altro.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 76% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.