I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio.

TIM scatta in Borsa, firmata la lettera di intenti tra le parti

Il titolo balza del 2,30% dopo che le parti coinvolte nella trattativa hanno firmato un accordo (non vincolante) per l’unione dell’infrastruttura di TIM e OpenFiber.

Avvio in positivo per TIM che tocca un massimo intraday a €0,2940 per poi scendere a 0,2870 (sempre +2,30%) sulla scia della notizia di un accordo sull’integrazione della sua infrastruttura di fibra ottica con quella della rivale OpenFiber. Dopo mesi di trattative inconcludenti, sembra che finalmente si possa iniziare il tanto sperato progetto di una rete unica di trasmissione dati VHCN (Very High Capacity Networks) che sia competitiva e serva l’intero paese.

La lettera di intenti, denominata MoU (Memorandum of Understanding) e firmata anche dal fondo australiano Macquarie e dal pioniere statunitense del private equity KKR, stabilisce che si debba completare l’integrazione in un’unica società entro il 31 ottobre dell’anno in corso.

Dunque, questo documento segna una svolta per l’ex monopolista TIM. Infatti, la discordanza di interessi tra le parti in causa - i due fondi esteri e CDP - aveva prolungato a dismisura l’iter dell’operazione.

I precedenti dell’operazione

In breve, l’ingarbugliata situazione può essere riassunta così: la società di TIM attiva nella fibra ottica (FiberCop) è partecipata - tra gli altri - da KKR (azionista al 37,5%) e Cassa Depositi e Prestiti (al 9,9%) mentre OpenFiber, la società creata da Enel nel 2015, vede come azionisti Macquarie (al 40%) e CDP (al 60%). L’intento sarebbe quello di integrare le due società - entrambe impegnate nello sviluppo di un’infrastruttura in fibra ottica - per poter implementare ed accelerare la digitalizzazione in Italia.

Come sempre quando ci sono troppi interessi di mezzo, trovare un accordo può risultare difficile e prolisso. Tuttavia, la lettera d’intenti firmata questa mattina sembra essere un buon punto d’appoggio per sviluppi futuri su un asset così fondamentale per l’intero paese.

Il dossier è infatti uno tra i più caldi per un motivo meramente finanziario. Infatti, nel 2021 TIM ha registrato dall’affitto della sua rete ben €2,2 miliardi di margine operativo lordo (cioè circa la metà della redditività dell’intero gruppo). Il consensus stima, inoltre, che la nuova società in cui confluirà la rete possa sostenere un EBITDA atteso di €1,5 - €1,7 miliardi oltre a dover sostenere un debito molto inferiore a quello attuale (€22 miliardi).

I più ambiziosi, invece, sperano che dopo l’operazione Telecom Italia possa addirittura ritornare al dividendo dopo che - quest’anno - la società ha tagliato la cedola (anche per le azioni di risparmio) per far fronte ad una profonda ristrutturazione di bilancio.

Il futuro della nuova società

Dunque, se l’operazione andrà a buon fine, TIM resterà definitivamente esclusa dalla nuova società della rete unica. Si procederà dapprima con una separazione tra il segmento delle attività infrastrutturali di TIM e la sua divisione commerciale, per poi far confluire la prima nella rete controllata da OpenFiber e così creare una nuova entità societaria. La nuova società sarà controllata da Cassa Depositi e Prestiti (CDP Equity) e sarà partecipata dai due fondi Macquarie e KKR. Gli accordi vincolanti dovranno essere firmati entro il 31 ottobre 2022.

Quali sono le previsioni sul titolo?

L’accordo al momento non è vincolante quindi non vi è certezza sulla reale attuazione dei piani prefissati tra le parti, sull’approvazione dell’Antitrust e sui possibili problemi derivanti dai sindacati. Tuttavia, dopo mesi di stallo, questo è sicuramente un primo fattore positivo per la creazione della tanto sospirata rete unica. In Borsa, il titolo Telecom Italia rimane comunque a livelli da penny stock ma ulteriori sviluppi sul fronte della rete unica potrebbero favorire importanti rialzi di prezzo nel medio/breve termine.

Inizia a fare trading con i Turbo24

Con i Turbo24 puoi fare trading sui indici, azioni, materie prime, criptovalute e forex tutto il giorno senza interruzioni. Otterrai un’esposizione sul mercato sottostante solo con un piccolo deposito iniziale.

Apri un conto reale o prova la demo per esercitarti con i Turbo24.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Cogli le opportunità del mercato azionario

Vai long o short su migliaia di titoli globali con i Turbo24, i CFD e le barrier. Scopri le differenze tra i vari prodotti e quello più adatto alle tue esigenze.

Vedi un'opportunità sulle azioni?

Prova il trading senza rischi con il nostro conto demo.

  • Accedi al tuo conto demo
  • Apri una posizione
  • Scopri se le tue previsioni erano corrette

Vedi un'opportunità sulle azioni?

Non perdere la tua occasione e passa a un conto reale.

  • Fai trading su una vasta selezione di azioni
  • Analizza i mercati e opera con grafici veloci ed intuitivi
  • Leggi le ultime notizie direttamente dalla piattaforma

Vedi un'opportunità sulle azioni?

Non perdere la tua occasione. Effettua il login e apri la tua posizione.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading