I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 70% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.

Sterlina debole, si allunga l’ombra di una Brexit senza accordo

C’è tempo fino alla fine della settimana per un accordo con l’UE: in ballo ancora pesca e concorrenza. Sterlina sempre più debole, EUR/GBP a 0,9192, GBP/USD a 1,3181

Scommettitori per tradizione, i cittadini britannici guardano all’evento dell’anno per avanzare le loro puntate: la Brexit. Secondo il mercato di scommesse Smarkets, le probabilità che il Regno Unito non riesca a concludere un accordo commerciale con l'Unione Europea prima della fine del periodo di transizione sono aumentate al 61%, dal 53% di ieri.

Sterlina in ribasso: timore uscita disordinata fa ballare la valuta UK

Dall’inizio della settimana (una settimana particolarmente densa di appuntamenti per l’Unione Europea), le trattative per la Brexit hanno seguito un andamento altalenante.

Alla vigilia del Consiglio europeo, iniziato ieri, è risultata tuttavia palese l’incomunicabilità tra le due sponde della Manica. Il premier britannico Boris Johnson e la presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen, durante l’incontro di mercoledì sera, hanno annunciato una deadline alla fine della settimana.

“Decideremo domenica se ci sono le condizioni per un accordo o no”, ha dichiarato von der Leyen nella conferenza stampa a conclusione dell’Eurosummit.

“Abbiamo sempre una speranza e come sapete i negoziati continuano e i nostri team sono a Bruxelles - ha dichiarato Johnson durante una visita a Blyth, nella contea del Northumberland – “E se c'è una grossa offerta, un grosso cambiamento in quello che stanno dicendo, allora devo dire che non l'ho ancora visto”.

I punti più controversi a cui si riferisce poi il premier britannico sono due: condizioni di parità per l'accesso ai mercati e diritti di pesca, cui si aggiungono i contrasti sull'attuazione dell'accordo. Dopo la pausa del Consiglio Europeo, oggi riprendono i negoziati.

“Devo dire che appare molto, molto probabile che dovremo andare per una soluzione che penso sarebbe fantastica per il Regno Unito e saremmo in grado di poter fare esattamente quello che vogliamo a partire dal primo gennaio, ovviamente sarebbe diversa da quello che ci eravamo proposti di ottenere ma non ho dubbi che questo paese può essere pronto a uscirne, come dicevo, in base ai termini del Wto (l’Organizzazione mondiale del Commercio)”, continua Johnson.

A fare le spese dell’incertezza è la sterlina. La divisa britannica nelle ultime ore ha perso lo 0,85% nei confronti del dollaro, con il cable sprofondato a 1,3180 (ieri 1,328), mentre il cross EUR/GBP balza in avanti a 0,9190, in rialzo di oltre lo 0,6%.

La volatilità della sterlina lascia spazio a diverse possibilità di trading sul forex. Sarà una hard Brexit, senza accordo, o che entro la fine dell’anno i negoziatori riusciranno a raggiungere un compromesso?

Puoi iniziare a fare trading sul forex con i nuovi Turbo24 – puoi aprire una posizione long o short su EUR/GBP, GBP/USD, ma anche su coppie valutarie minori o esotiche. Otterrai un’esposizione su una coppia valutaria grazie solo a un piccolo deposito iniziale. Apri un conto ora su IG o prova il conto demo.

Quali altri mercati soffriranno per la Brexit?

In calo anche il Ftse 100 a Londra, che lascia sul terreno lo 0,62% in una giornata in cui solo per un breve momento è riuscito a guadagnare la parità. E proseguono le scommesse: Morgan Stanley stima che, in caso no-deal Brexit, le azioni del Ftse 250 potrebbero perdere dal 6% al 10%. Peggio ancora per le banche del Regno Unito, le cui azioni potrebbero scendere, sempre secondo la banca d’investimento, dal 10% al 20% (per via dei tagli sui tassi che la Banca d’Inghilterra potrebbe implementare).

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Scopri i primi certificati turbo al mondo quotati H24

  • Leva variabile a partire da 3x
  • Rischio limitato
  • Zero commissioni

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading