Quotazioni petrolio in ribasso dopo pubblicazione scorte EIA

Forte oscillazione per il prezzo del barile dopo i dati contrastanti sulle scorte statunitensi. Prospettive sempre peggiori nel lungo termine, con il futuro che si prospetta più green

Le scorte secondo l’EIA

L’Amministrazione per le Informazioni sull’Energia statunitense (Energy Information Administration, EIA) ha pubblicato oggi, come ogni mercoledì, i dati sulle scorte del petrolio negli Usa. Il dato ha disatteso le stime degli analisti, che avevano previsto un sensibile abbassamento delle scorte a 1,649 milioni di barili (rispetto alla settimana precedente, quando erano stati 7,929 milioni): il totale si attesta infatti a 2,219 milioni di barili.

Scende dunque il prezzo del petrolio, a fronte di scorte superiori del previsto: il Wtisi assesta a quota 57,04 dollari al barile, perdendo il 0,26%, mentre il Brent registra un prezzo di 61,90 dollari al barile (per una variazione stabile intorno allo zero).

Negativi anche i dati sulle scorte di petrolio raffinato, misurato secondo i dati in arrivo dagli stabilimenti di Cushing, in Oklahoma: 1,229 milioni, mentre l’ultimo dato aveva misurato 1,71 milioni.

Le scorte secondo il report API

Intanto, l’Istituto Americano per il Petrolio (American Petroleum Institute, Api) ha rilasciato ieri l’ultimo report sulle scorte di petrolio al 7 novembre 2019.

Il report parla infatti di 500 mila barili in meno sulle scorte negli Stati Uniti, a fronte delle aspettative degli analisti che ne avevano stimati oltre un milione e 600 mila.

Perché l’andamento del petrolio sta fluttuando?

Tra i fattori che stanno influenzando il prezzo del petrolio risalta la dichiarazione di ieri rilasciata dal presidente dell’Opec, Mohammed Barkindo. Sembra infatti che la crescita della produzione statunitense potrebbe decelerare a partire dall’anno prossimo, a causa della diffusione di fonti di energia più competitive. Il report lascia comunque aperti anche scenari positivi, legati per lo più a una risoluzione dei principali nodi internazionali che stanno trascinando l’economia globale al ribasso - la guerra commerciale tra Cina e Stati Uniti, che minaccia la crescita globale e, dunque, la domanda di petrolio, ma anche l’incertezza sulla Brexit e la stabilizzazione di importanti economie, come quella Giapponese.

Ma la situazione si fa sempre più fosca considerando soprattutto il lungo termine. L’Agenzia internazionale per l’Energia (International Energy Agency, Iea), un’anticipazione del World Energy Outlook annuale, ha infatti previsto una stagnazione del prezzo del petrolio intorno al 2030: secondo il report dell’agenzia infatti il risultato dell’implementazione di tecnologie elettriche sempre più efficienti porterà a un calo della domanda di greggio.

Le altre materie prime

Oltre ai dati sul petrolio, l’Eia sottolinea un aumento di 1,7 milioni di barili di gasolio, a fronte tuttavia di una diminuzione di gasolio distillato per 2,5 milioni di barili. Gli analisti avevano previsto una riduzione di 1,7 milioni di barili di gasolio e 1,6 milioni di distillati.

Scopri come fare trading sul petrolio con IG.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Investi sulle materie prime

Fai trading sui future delle materie prime e altri 27 mercati senza scadenza fissa.

  • Ampia selezione di principali metalli, energie e soft commodities
  • Spread a partire da 0,3 punti sull'oro spot, 2 punti sull'argento spot e 2,8 punti sul petrolio
  • Utilizza grafici continui, con storico fino a cinque anni

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 76% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.