Poste Italiane: quotazione in forte calo nonostante trimestrale positiva

Buone notizie per il gruppo. L’ad Matteo Del Fante: “Siamo sulla buona strada per raggiungere gli obiettivi del 2019”

Poste Italiane ha pubblicato stamattina i risultati del terzo trimestre 2019: ricavi per 2,57 miliardi di euro (l’1,8% in più rispetto al terzo trimestre 2018), che nell’arco dei primi nove mesi dell’anno diventano 8,09 (l’1,7% in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno).

Il risultato operativo ammonta invece a 1,54 miliardi di euro nei primi nove mesi del 2019, il 2,1% in più rispetto al 2019, di cui 459 milioni nel terzo trimestre (lo 0,8% in più rispetto al terzo trimestre del 2018).

Quanto all’utile, nell’ultimo trimestre Poste italiane ha registrato 320 milioni di euro (lo 0,4% in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso) mentre, considerando i primi nove mesi dell’anno, il trend si conferma positivo: 1,08 miliardi di euro nel 2019, il 2,6% in più rispetto allo stesso arco di tempo del 2018.

Quali sono stati i servizi migliori?

Il comparto migliore si conferma quello finanziario, che aveva segnato il risultato migliore anche nel 2018, mentre quello sulla corrispondenza e spedizioni registra una certa flessione. Nello specifico, i valori per i diversi settori ammontano a:

  • Corrispondenza, Pacchi e Distribuzione: €800 milioni (-3,5%)
  • Pagamenti, mobile e digitale: €171 milioni (+10,6%)
  • Servizi assicurativi: €423 milioni (+16,5%)
  • Servizi finanziari: €1,17 miliardi (-0,1%).

Arrivata anche la conferma della distribuzione del dividendo, di cui si parlava da luglio. Poste Italiane ha infatti approvato la distribuzione di un dividendo ordinario per il 2019 pari a 0,154 euro per azione.

Cosa si prevede per il futuro?

L’amministratore delegato di Poste Italiane, Matteo Del Fante, è ottimista quando si parla del futuro dell’azienda: “Siamo sulla buona strada per raggiungere gli obiettivi del 2019 in tutti i segmenti di business”, ha dichiarato a commento dei risultati. I piani per lo sviluppo futuro si concentreranno soprattutto sulla trasformazione digitale, prevista (tra le altre cose) nel piano strategico “Deliver 2022”, con un occhio particolare su una customer experience pensata soprattutto per le nuove generazioni. “Stiamo diventando un'azienda dinamica con una forte componente nativa digitale, che supporta attivamente la vita dei nostri 35 milioni di clienti”, continua Del Fante.

Come ha reagito il titolo in borsa?

Nonostante i buoni dati, tuttavia, Poste Italiane si presenta in calo a Piazza Affari. Dopo aver aperto a 11,16 euro, a metà mattina il titolo scende a 10,94 (perdendo il 2,06%). Il Ftse Mib stamattina si è comunque mosso di poco, guadagnando lo 0,3%: rallenta dunque rispetto ai livelli dei giorni scorsi, quando – insieme agli altri indici europei e a Wall Street – aveva beneficiato dell’ottimismo sui negoziati commerciali tra Cina e Stati Uniti e dei buoni dati delle trimestrali.

Scopri come fare trading sulle azioni di Poste Italiane e altri mercati con IG.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Cogli le opportunità del mercato azionario

Vai long o short su migliaia di titoli globali.

  • Aumenta la tua esposizione nel mercato con la leva
  • Spread a partire da solo 0,1% sui principali indici globali
  • Fai trading con i CFD direttamente nel book di negoziazione con accesso diretto al mercato

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 68% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.