Prezzo dell'oro: nuovi target sopra i $1300. Torna il bene rifugio

Guerra commerciale e rischio recessione: gold sui massimi da due mesi. Il mercato scommette sul taglio tassi. Stati Uniti e Cina lontani dall'accordo. Dazi sul Messico, alert per l'Australia, India fuori dallo special trade status

Lingotti oro Fonte: Bloomberg

Gold sui massimi da oltre due mesi sull’aumento delle tensioni commerciali tra Stati Uniti e resto del mondo. Dopo un anno di progressivi rialzi per il dollaro a stelle e strisce (+4%), gli investitori sono tornati a scegliere il lingotto, bene rifugio per antonomasia in periodi di incertezza. Il cambio di preferenze degli operatori ha rinfrancato un’idea già discussa sul mercato: sebbene gli Stati Uniti sembrino confermare oggi il proprio primato mondiale, cresce la paura di una recessione che potrebbe verificarsi già nel 2020.

Dazi: situazione in Cina, Messico, India, Australia

Dopo la Cina, l’invettiva di Donald Trump si è scagliata contro il Messico, accusato di non aver fatto nulla per limitare i traffici migratori illegali e minacciato di un triplice rialzo dei dazi sulle merci importate del 5% (10 giugno), 10% (1° luglio) e 25% (1° ottobre). Dopo aver tolto all’India lo status di “special trade”, che le permetteva di beneficiare di tariffe meno vessatorie su settori quali il tessile, la gioielleria, le componenti d’auto e l’agricoltura, il Tycoon ha riaperto questo week end alla possibilità di provvedimenti contro l’Australia, che, a detta del Tycoon, avrebbe anch’essa approfittato della posizione di spicco degli Stati Uniti per trarre benefici personali.

Prezzo dell'oro: l'analisi della quotazione

Dopo una fase di lateralità tra aprile e maggio, il prezzo del gold è tornato ad appoggiarsi alla trendline in essere dai minimi di metà agosto 2018, reagendo quindi con un netto movimento a rialzo. Rispetto ai valori della scorsa settimana a $1285, il prezioso ha iniziato a crescere in maniera considerevole nel corso della seduta di venerdì, quando ha superato stabilmente quota $1300, chiudendo gli scambi a $1305. Il rialzo è proseguito con l’avvio delle contrattazioni odierne, quando l’oro è tornato a testare area $1315 (massimi dal 27 marzo). Un primo livello di resistenza a rialzo si posiziona a $1320, con target successivo appena sotto quota $1330. Oltrepassato tale livello, il prezioso potrebbe ambire al raggiungimento di $1345, sui massimi di periodo registrati lo scorso 20 febbraio.

Le leve che muovono il gold

Le “scommesse” sul mercato del gold sono originate non solo sui timori di un prosieguo del conflitto commerciale che non si esaurirà a breve, ma anche sulle mosse che, in scia al rallentamento economico mondiale, le singole banche centrali potrebbero compiere. In primis, la Federal Reserve, che da una stima iniziale di due rialzi dei tassi nel 2019 è passata ora a stimare zero interventi, col mercato che già sconta però tra uno e due tagli del costo del denaro entro la fine dell’anno.

Se le tensioni commerciali portassero ad un incremento generalizzato dei costi di fornitura e produzione (e dunque di consumo) la spinta sull’inflazione potrebbe essere repentina, il che motiverebbe ancor più gli istituti centrali a modulare il livello dei tassi così da non andare a pesare ulteriormente sull’economia.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.