Prezzo del petrolio: un tweet vale più di un taglio dell'Opec

Greggio in calo al 3% dopo il tweet di Donald Trump: serve un Opec più rilassato sul taglio dei barili al giorno; secondo il Tycoon, prezzi più alti sono più pericolosi. Usa toccano intanto il record di produzione a gennaio.

Fonte: Bloomberg

Prezzo del petrolio in calo. Colpa dell’Opec? No, “merito” di Donald Trump.

Il greggio statunitense ha registrato un netto calo nelle prime ore del pomeriggio, passando dal territorio positivo, fino ad un ribasso del 3%, al di sotto dei 56 dollari al barile, area $55,50.

Nonostante le influenze positive sortite dall’annuncio di Donald Trump, intenzionato a raggiungere un accordo con la Cina alla luce dei diversi passi avanti compiuti dai due Paesi sul fronte commerciale, il petrolio ha invertito la propria rotta, tornando sui livelli di metà febbraio.

A muovere il mercato, ancora una volta, un tweet del Presidente americano preoccupato dei recenti rialzi del greggio. Trump, che nel suo ha potuto gioire la scorsa settimana all’annuncio di una produzione di petrolio americano sui massimi di sempre (circa 12 milioni di barili al giorno a gennaio), ha esortato l'Organizzazione dei principali produttori di petrolio, l’Opec, a "rilassarsi" e ad interrompere la propria politica di taglio alla produzione (1,2 milioni di di barili al giorno suddivisi tra Opec e Russia).

A partire dall’inizio del 2019, i prezzi del greggio sono aumentati oltre il 20%, grazie agli sforzi dell’Opec. C’è tuttavia da scommettere che Trump spingerà affinché i rubinetti del crude restino aperti. Tra le altre, ad avere un primario interesse in un rialzo dei prezzi è l’Arabia Saudita che, oltre ad aver preventivato un ritorno del prezzo del greggio stabilmente al di sopra della soglia degli $80 al barile (per raggiungere il pareggio di bilancio), deve iniziare a fare i conti con la più grande Ipo della storia, quella di Saudi Aramco, il cui valore d’offerta verrà determinato, hanno dichiarato fonti interne, in base al prezzo corrente di mercato del greggio.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.